18/09/2009 Alle 21:08:31
Fastidi
 

Trovo fastidioso il non capire l'importanza della scienza, trovo volgare il non vedere poesia in elettroni in un circuito integrato, trovo idiota il pensare come equipollente una ricerca scientifica, una missione spaziale, la scoperta di nuovi modelli della fisica al mero pavoneggiarsi di sultani di occidente e oriente con spettacoli di dubbio gusto, trovo offensivo vedere nello stesso modo le spese per la ricerca e quelle per gli armamenti, trovo ignorante pensare che una qualsiasi ricerca faccia cresce la conoscenza della razza umana nel suo insieme, non sia un ritorno di utilità per il pianeta intero. Se oggi il mondo è più ricco lo deve all'allunaggio non certo ai santini o alle madonnine.

by Gabellini Sauro | Commenti (0)
Link | categoria:Cazzeggio
29/08/2009 Alle 12:06:37
Portugal

O sogni o visioni, qualcosa la prese e si mise a pensare,
sentì che era un punto al limite di un continente,
sentì che era un niente, l'Atlantico immenso di fronte...

http://www.serpiolle.com/PhotoViewer.aspx?Gallery=Portogallo

by Gabellini Sauro | Commenti (0)
Link | categoria:Cazzeggio
24/06/2009 Alle 22:36:53
Vita a Serpiolle

Che nella rete vi sia tutto e che la fotografia digitale, unita all'inserimento di fotocamere dentro i cellulare, avvesse aumentato a dismisura le informazioni era cosa che davo per assodata, ma trovare dopo anni (mentre stavo comparando bing con google, bing è il nuovo motore di ricerca di microsoft www.bing.com ), l'immagine della mia fantastica pubblicità del bei..bei..."c'è vita a serpiolle?" era una cosa che non speravo minimante, e invece qualcuno non solo ha scattato la foto ma la ha anche pubblicata su flickr : http://www.flickr.com/photos/tirabaralla/241574604/

 

by Gabellini Sauro | Commenti (0)
Link | categoria:Cazzeggio
19/06/2009 Alle 21:55:34
MacroMicro

Dal macrocosmo al microcosmo in 40 bellissime foto

http://www.serpiolle.com/PhotoViewer.aspx?Gallery=MACRO

by Gabellini Sauro | Commenti (0)
Link | categoria:Cazzeggio
02/06/2009 Alle 22:54:45
Mi spiace
 Mi spiace ma credo che l'indulto sia stata un grande scelta di dignità, mi spiace ma credo che la flessibilità sia solo l'anticamera della precarietà, mi spiace ma credo che l' eutanasia sia una scelta di civiltà di un paese, mi spiace ma penso che lo straniero possa portare ricchezza, mi spiace ma sono per il proporzionale e contro il maggioritario, mi spiace ma credo che il lavoro del politico possa essere il più nobile dei lavori, mi spiace ma per conservare le mie radici non penso sia giusto vietare di vendere il kebab autorizzando i McDonald,mi spiace ma penso che sia necessario più stato e meno mercato, mi spiace non mi piacciono gli aperitivi e i locali alla moda,mi spiace preferisco il ladruncolo al truffatore autorizzato, mi spiace preferisco i cantautori di quest'italia a certa mediocre musica d'oltre manica,mi spiace ma penso che l'oroscopo sia una mera cavolata, mi spiace ma trovo ingenuo credere al dio delle religioni, mi spiace sono ateo,mi spiace ma penso che una coppia gay possa tranquillamente adottare dei figli, mi spiace mi sento comunista, mi spiace se non vi piacerò ma il mio dissenso è il mio essere.
by Gabellini Sauro | Commenti (0)
Link | categoria:Cazzeggio
24/05/2009 Alle 13:01:18
Gang & Cristiano De André
by Gabellini Sauro | Commenti (0)
Link | categoria:Cazzeggio
19/05/2009 Alle 21:09:25
Bacio
Solo il 50% dell'umanità si bacia: in alcuni paesi dell'Africa si teme di perdere l'anima, che fugge con il respiro quando ci si bacia; nelle tribù del Niger chi si bacia in pubblico viene flagellato. Pigmei e Tonga del Mozambico considerano il bacio un attentato all'igiene, i Cinesi temono di contaminarsi e considerano il bacio pubblico un gesto osceno, mentre i romanticissimi Polinesiani avvicinano il viso all'amato per "respirarlo".
Gli Inuit e alcune tribù del Pacifico si annusano teneramente per stordirsi con l'odore del partner, e in India il bacio è così scioccante che nei film viene censurato.
 
Il bacio più noto è "alla francese", intimo e sensuale. Quello eschimese è naso contro naso e contro guancia. Quello degli abitanti di Bali è il più romantico: gli innamorati si guardano stando vicinissimi e, compiendo leggeri movimenti del capo, sentono il calore e il profumo l'uno dell'altra.
Il bacio indonesiano è il più strano: si chiama "mitakuku" e gli amanti si mordicchiano a vicenda le ciglia. In Giappone baciarsi è un'abitudine poco amata: ci si bacia ad occhi chiusi, per pudore e rispetto, e con la bocca sigillata.
by Gabellini Sauro | Commenti (0)
Link | categoria:Cazzeggio
18/05/2009 Alle 01:06:39
segni distintivi della nostra esistenza

vi sono parti di noi che non mutano negli anni, succede all'iride dei nostri occhi o alle impronte delle nostre dita, cresciamo, invecchiamo, e fino a quando il soffio della vita è in noi, rimangano costanti, identiche nel tempo. Vi sono fili rossi, che ci portiamo dietro da sempre, che legano gli eventi del nostro vivere, rendendo diverse ma identiche i capitoli del nostro vivere, segni distintivi della nostra esistenza. E' così siamo prigionieri di storie, personaggi dei quali forse vorremo fare a meno, vorremo scrivere capitoli diversi, nuovi, migliori, e invece il nostro essere, riproduce fedelmente una copia del già successo, del già visto, strade patetiche nelle quali è noioso correre.

by Gabellini Sauro | Commenti (0)
Link | categoria:Cazzeggio
14/05/2009 Alle 10:04:14
un assoluto capolavoro
Essere diversi in questa cultura significa non cedere alla sottomissione. Significa non dimenticare che si vive una sola volta nell'arco intero dell'eternità e che questa occasione va vissuta nel migliore dei modi. Significa anche scoprire che ogni essere umano è un assoluto capolavoro. Da quando ho scoperto questa cosa tanti anni fa, quando andavo in giro con un sacco a pelo e con mille lire in tasca nel Medio Oriente in Africa e mi svegliavo nei posti più strani.. davanti a me c'era sempre una donna con un piatto di cibo o un uomo con del formaggio o del pane... E nei loro sguardi c'era un'infinita maternità e un'infinita paternità ed io mi sentivo adottato da questa nuova, vera famiglia che era quella di sei miliardi di persone... Silvano Agosti
by Gabellini Sauro | Commenti (0)
Link | categoria:Cazzeggio
11/05/2009 Alle 22:28:55
Bruciami l'anima
by Gabellini Sauro | Commenti (0)
Link | categoria:Cazzeggio
21/04/2009 Alle 23:58:58
Zeitgeist
by Gabellini Sauro | Commenti (0)
Link | categoria:Cazzeggio
20/04/2009 Alle 09:30:30
Charlie Chaplin
"La vita è meravigliosa se non se ne ha paura. Tutto quello che ci vuole è coraggio, immaginazione e un pò di soldi.Per che cosa dovresti batterti? Per tutto! Per la vita stessa! Non ti basta forse? Per viverla, soffrirla, goderla! La vita è una bella, magnifica cosa, anche per una medusa. Tu, invece, ti sei arresa. Non fai che adagiarti sui malanni e sulla morte. Ma c'è una cosa altrettanto inevitabile della morte ed è la vita. Vivi! Vivi! Pensa alla forza che è nell' Universo, che fa muovere la Terra e crescere gli alberi... E c'è la stessa forza dentro di te, purchè solo tu abbia il coraggio e la volontà di usarla!"
by Gabellini Sauro | Commenti (0)
Link | categoria:Cazzeggio
20/04/2009 Alle 09:26:11
vento favorevole
Non esiste vento favorevole per il marinaio che non sa dove andare.(Seneca).
by Gabellini Sauro | Commenti (0)
Link | categoria:Cazzeggio
16/04/2009 Alle 09:49:06
Non c'eri

"Non c'eri

non c'eri nelle liste elettorali di quello stupido giugno

non c'eri in uno spettacolo teatrale sulla diga del Vajont

non c'eri in quei locali assordanti dove il suono della batteria copre gli altri strumenti

non c'eri sulle sue labbra
e sulla sua schiena bianca che mi ringraziava

e non c'eri nelle ombre scure di un paesaggio di montagna
ricordo di un viaggio di fine marzo

non c'eri nelle tessere di un Blockbuster
nei panini caldi di un venditore ambulante

non c'eri nelle cicche sotto casa
e nemmeno nei giardini comunali dove i bambini tirano i loro primi sassi
alle loro prime paure

non c'eri nemmeno nei rappresentanti che al mattino ti svegliano col citofono
o nella morale qualunquista di una zia vecchia e acida

non c'eri nelle mele che mordevo

e nemmeno nel bicchiere di vino accanto alla TV

e non c'eri allo stadio
o nei miei scatti lenti dei lunedì di calcio

non c'eri nemmeno sull'espressione arrogante di quelle guardie che mi fermarono:
"Lei dove crede di andare...?"

Non c'eri nella metropolitana
o nelle spinte per chi deve scendere e chi deve salire
in tutti i loro discorsi assurdi su come non si può più vivere

non c'eri nei sorrisi dei camerieri, eroi di una vita di mance

non c'eri...

non c'eri...

Eppure ti sentivo

ti sentivo come si sente l'angoscia in una strada buia mentre i piedi incontrano la pioggia
come si sente l'abbandono in quelle luci gialle e tristi degli ascensori

ti sentivo nelle ossa come la febbre del primo inverno

ti sentivo nel silenzio che mi creavo nella mente
in mezzo a un traffico impazzito sulla tangenziale

ti sentivo come un ombra, un fantasma, una profezia, una maledizione

ti sentivo solo io, solo e sempre io

mentre tutto quanto intorno mi diceva che tu non c'eri
... non c'eri"

by Gabellini Sauro | Commenti (0)
Link | categoria:Cazzeggio
14/04/2009 Alle 20:20:45
Oggetti smarriti
   Così gli vedi appesi al bancone di un bar,ad un pinta di birra, appesi ad una storia finita ad una strada sbaglia, a errori commessi, attaccati all'ultimo filo d'erba prima di finire nel precipizio, attaccati a qualcosa che difendono con denti stretti e che forse sarebbe meglio perdere, per ricominciare. Uomini sconfinti, uomini stanchi, di giochi sbagliati e di fortune sprecate, di sorrisi persi. Arresi alla vita. Ci vedi, gli vedi così, come oggetti smarriti.      
by Gabellini Sauro | Commenti (0)
Link | categoria:Cazzeggio
28/03/2009 Alle 20:41:29
Giorni

Non sempre sappiamo prendere dai giorni; dovremmo capire che ogni sassolino, ogni metro di asfalto, ogni rettangolo di cielo che ci è dato di vedere è un pezzo bellissimo, irripetibile del puzzle della vita, dovremo far tesoro della visione di un cartello stradale capovolto, come fosse lo spettacolo più divertente di questo mondo, dovremo ammirare un pezzo di orizzonte, un cielo azzurro, una nuvola bianca come quadri bellissimi e gratuiti che ci è dato di vivere,e invece cerchiamo di riempirci la vita di altro, io, primo responsabile di questo crimine, occupati dal nostro assurdo cercare altro, ci dimentichiamo di quello, di quel tanto, che la vita ci offre.

by Gabellini Sauro | Commenti (0)
Link | categoria:Cazzeggio
26/03/2009 Alle 08:56:30
Mio fratello che guardi il mondo
"Mio fratello che guardi il mondo e il mondo non somiglia a te mio fratello che guardi il cielo e il cielo non ti guarda più se c'è una strada sotto il mare prima o poi ci troverà se non c'è strada dentro il cuore degli altri prima o poi si traccerà . Sono nato e ho lavorato in ogni paese e ho difeso con fatica la mia dignità sono nato e sono morto in ogni paese e ho camminato in ogni strada del mondo che vedi. Mio fratello che guardi il mondo e il mondo non somiglia a te mio fratello che guardi il cielo e il cielo non ti guarda più se c'è una strada sotto il mare prima o poi ci troverà se non c'è strada dentro il cuore degli altri prima o poi si traccerà ." I.Fossati
by Gabellini Sauro | Commenti (0)
Link | categoria:Cazzeggio
22/03/2009 Alle 22:35:21
Le vele, le vele, le vele

Le vele le vele le vele....

Che schioccano e frustano al vento. Che gonfia di vane sequele ...

Le vele le vele le vele.....

by Gabellini Sauro | Commenti (1)
Link | categoria:Cazzeggio
05/03/2009 Alle 22:52:02
Distratti

Alla fine si è distratti, si vive come treni su binari ad alta velocità, distratti dal panorama, dalle sterminate pianure o dalle verdi colline, distratti,  senza guardare se davanti a noi vi sarà una galleria, un viadotto o un muro dove schianatarsi. Così nella vita ci armiamo di futulità, per distrarsi, volontariamente o meno. Confondendo l'essere impegnati con l'essere distratti, guardiamo panorami sempre uguali non curanti di dove andremo a finire....

by Gabellini Sauro | Commenti (0)
Link | categoria:Cazzeggio
17/02/2009 Alle 20:13:52
Bonzo

A un, a du, a un du tri quatr...
M'han detto che un bonzo
("un bonzo...chi è ?")
Un prete buddista
("ah!")
si è bruciato
("'sto bonzo...")
Si è cosparso di benzina
nella piazza principale e poi ehhhhhh......
("Che cosa è successo?")
Niente!
S'è dato fuoco da sè
perché vuole la libertà

La libertà de brusà
De brusà per pudè campà
Per campà per lavurà
Lavurà per pudè brusà
("Ah! ah! ah!")

M'han detto che in Fiandra
("in Fiandra...dov’ è ?")
nel Belgio
("ah!")
È saltata per aria
'na miniera
("de carbun!")
Son finiti bruciacchiati
Asfissiati, anneriti dal grisùùù- uhhhhhhhh
("che cos’è successo?")
Niente!
Più di sessanta terùn
Son finiti all’aldilà
Han finì de tribulà
De tribulà per pudè campà
De campà per lavurà
Lavurà pe pudè ‘sfissià

Io c’ho la macchina
c’ho un bel mestiere
e non faccio il minatore
c’ho la mutua
c’ho la casa al terso piano e
c’ho i servizi col bidet
cosa interessa a me
della mia libertà
La libertà de brusà
de brusà per pudè campà
e campà per tribulà
E tribolare per campare
E tribulà per pudè campà
E de campà per pudè ‘sfissià
E de sfissià per pudè campà
E libertà per pudè brusà

M’han detto ier sera
("ier sera ? cus’è ?")
Il dottor Biraghi
("chi è ?")
il caporeparto
("ah!")
che son licenziato
in tronco

È per via della flessione
sul mercato principale e poi ehhhh- uuuuhhuuhhh
("Che cosa è successo ?")
Piango!
Des' m’interessa anche a me
della mia libertà
La libertà de brusà
De brusà per pudè campà
Libertà de lavurà
De lavurà e dopo asfissià
Lavurà per pudè campà
E tribulà per pudè murì
("Ah! ah! ah!")

Non c’ho più la macchina
son disoccupato
la mia donna mi ha lasciato
sensa mutua
sensa casa
non c’ho piu’ neanche il bidet

Sono qui peggio di un bonzo
Non c’ho neanche la benzina per bruciaaaarrr uuuuuhhhhhhhh
Des' m’interessa anche a me
della mia libertà
Libertà de lavurà
de lavurà per pudè campà
E campà per poi tribulà
E tribolare per campare
E campà per pudè brusà
E libertà e libertà
Allora libertà ... confessione
No, confessione e libertà
No, libertà e rivoluzione
No ... sì ... rivoluzione
No... rivoluzione
Si' ... si’ si’ , rivoluzione
Libertà di rivoluzione
È libertà la rivoluzione
Libertà per tribulà
E libertà per la rivoluzione
Libertà ... rivoluzione
...
... Piangoooo!

 

by Gabellini Sauro | Commenti (0)
Link | categoria:Cazzeggio
15/02/2009 Alle 23:05:47
Un terzo di secolo fa

Appeso alle mie cose senza senso, gioco spesso,troppo spesso con i miei castelli di carta, fatti di poca concretezza ma di grande passione. Commetto molti più errori delle cose giuste che riesco a fare, sarei un folle, se qualche colpo di reni, e chi mi legge perdonerà l'espressione, che su me suona quasi come una beffa, non mi tenesse sulla carreggiata. Forse sono così occupato in un gioco mio, nella quale riesco a inserire tutto amicizia, amore, politica, lavoro... come se tutto lo faccia sottostare alle regole perverse scritte da un Master,per me, ormai un terzo di secolo fa..         

by Gabellini Sauro | Commenti (0)
Link | categoria:Cazzeggio
12/02/2009 Alle 15:32:00
QuizGABE
   
by Gabellini Sauro | Commenti (0)
Link | categoria:Cazzeggio
02/02/2009 Alle 22:10:27
Premio Finale!

Deciso il premio finale :            

Visita il sito : http://www.serpiolle.com/sarabanda/

by Gabellini Sauro | Commenti (1)
Link | categoria:Cazzeggio
02/02/2009 Alle 08:15:20
Importazioni
Italia : daglia usa invece che importare Obama, abbiamo deciso di importare il Ku Klux Klan....
by Gabellini Sauro | Commenti (0)
Link | categoria:Cazzeggio
27/01/2009 Alle 19:41:44
Porte

Alle volte vi sono porte aperte le quali non riusciamo a valicare, altre volte ci sono porte che prendiamo a spallate perché vorremmo entrare, altre volte ancora siamo li a guardare quelle porte chiuse come un muro invalicabile. Abbiamo un percorso ben chiaro nella nostra mente e trovare un'alternativa richiede sacrifici enormi, così ci fermiamo di fronte alle barriere che la vita ci propone, senza capire, che forse,forse, cambiando strada, cambiando percorso, cambiando obbiettivo si può comunque ammirare questa città chiamata vita. Così i più forti si prendono i propri pezzetti di vita, li mettano da una parte e ripartono, altri invece guardano queste porte si girano su se stessi scrutano l'orizzonte in cerca di una strada da seguire e poi impauriti, svogliati, pigri riguardano la porta gigantesca, che sembra ancora più grande, immobile di fronte a loro.

by Gabellini Sauro | Commenti (1)
Link | categoria:Cazzeggio
20/01/2009 Alle 00:52:43
Mi domando....

by Gabellini Sauro | Commenti (2)
Link | categoria:Cazzeggio
13/01/2009 Alle 22:11:02
Digital Age
I vostri memes saranno archiviati in un pollice quadrato, la vostra conoscienza sarà distribuita sulle autostrade di bit, avrete sete di byte di sapere, navigherete su mondi nati nella mente di impavidi artisti del codice, adorerete la corsa degli eletroni tra le porte logiche, cercherete come un tossicodipendente i codici seriali, aprirete il vostro inconscio con una chiave pubblica a 256bit,  troverete dio in una seguenza di escape.
by Gabellini Sauro | Commenti (1)
Link | categoria:Cazzeggio
11/01/2009 Alle 11:16:25
Acqua Cheta...

E così ieri sono andato con Marica (mi leggi?...) a vedere un classico del teatro fiorentino che per ignoranza e pigrizia non avevo mai visto, e mi sono trovato ridere di quelle storie vicine nei luoghi, ma lontane nel tempo.

by Gabellini Sauro | Commenti (0)
Link | categoria:Cazzeggio
02/01/2009 Alle 08:42:07
Trentatre trentini

E così siamo a quota 33, che poi è un numero cha ha pochi motivi per interessare, non è lo scavallamento di una decina, i 20, i 30, i 40 ecc, non è il quarto di secolo dei 25 anni; francamente si ricorda solo per un fatto di dubbia natura storica, ma certa, come sono certe (false) le questioni della fede, la morte di Gesù, il chè non è un bel festeggiare, così stamani tra rassegna stampa, rigorosamente di popolare network, e siti web (repubblica.it e corriere.it), ho scovato l'unica notizia che voglio allegare a questo giorno, così che nei mesi futuri sfogliando il blog possa ricordare questo compleanno. La notizia che voglio ricordare è la restituzione di una statua rubata da alcuni ladri a Bernard Madoff, ex presidente del Nasdaq accusato di aver truffato centinaia di investitori internazionali,i ladri l'hanno fatta ritrovare, intatta, vicino al Country Club dove Madoff trascorreva il tempo libero prima dell'arresto. Con un messaggio: "Bernie il truffatore, impara la lezione: restituire i beni rubati ai legittimi proprietari. Firmato: gli Educatori". ..

Buon anno a tutti,  ladri compresi....

by Gabellini Sauro | Commenti (4)
Link | categoria:Cazzeggio
27/12/2008 Alle 02:48:40
IL PALAZZO DI BABELE
Nel paese degli uomini piccoli
c’è un palazzo di nome Babele
per un giorno o due ci abitammo
e dall’uno sussù fino al dieci
imparammo a contare cantando
UNNZE DUNZE TRENZE QUARA QUARENZE
MERA MERENZE RISSE RASSE DIECI
Uno zingaro esquimese
nel cassetto aveva un prato
Due toreri magrebini
un po’ d’erba gli hanno fumato
Tre fachiri campesini
saltano sul pavimento
con quattro frati indiani
son tutti fuori da far spavento.
Gira gira e fai la ruota
gira e gira e fai la festa
che a forza di ruotare
ti girerà un po’ la testa.
Cinque rasta di Treviso
fanno insieme un‘orchestra
Sei vatussi di Ragusa
lanciano fiori dalla finestra
Sette bonzi portoghesi
han bevuto l’acquaragia
Otto indù giapponesi
cantano forte la cucaracha
Gira gira e fai la ruota
gira e gira e fai la festa
che a forza di ruotare
ti girerà un po’ la testa.
Nove piani e ancora uno
di canzoni balli e vino
dieci piani sotto il cielo
che grande festa
che bel casino.
Gira gira e fai la ruota
gira e gira e fai la festa
che a forza di ruotare
ti girerà un po’ la testa.
Gira gira e fai la ruota
gira gira girotondo
che a forza di girare
faremo insieme
un altro mondo.
by Gabellini Sauro | Commenti (0)
Link | categoria:Cazzeggio
23/12/2008 Alle 20:42:15
Giovanni Allevi

Forse presuntuoso, forse per i puristi della musica classica troppo contemporaneo, forse, però al concerto al senato di domenica scrosa l'ho trovato geniale..

by Gabellini Sauro | Commenti (0)
Link | categoria:Cazzeggio
21/12/2008 Alle 02:27:45
cena natale

Ed eccomi a fine serata prima di finire nel letto, che "posto" le foto e i video della cena, sono stato proprio bene con gli amici di sempre, quando senti quell'equilibrio strano nel quale capisci che forse non ti manca niente....

Foto : http://www.serpiolle.com/PhotoViewer.aspx?Gallery=cenanatale2008

 

by Gabellini Sauro | Commenti (1)
Link | categoria:Cazzeggio
02/12/2008 Alle 00:21:53
Balliamo

Prendi l'estremità di questo foulard e volteggia con me. Balliamo. La senti con i tuoi piedi nudi l'erba e la terra fresca? Ricordati di questo momento e balla con me, è questo momento e solo questo che ci è dato di vivere. Ed ora continua tu a ballare, io mi fermo, ora è tuo questo foulard e porgilo a chi ti accompagnerà nel prossimo presente, nel prossimo ballo.

 

by Gabellini Sauro | Commenti (0)
Link | categoria:Cazzeggio
28/11/2008 Alle 22:03:36
Le molte facce

La vista di un filare prima della vendemmia, 10 ore di lavoro di un artigiano,il preciso movimento dello scalpello di un artista, lo spolverare un mobile prima di una festa, una canzone cantata a squarciagola,le chiamate ripetute a un telefono occupato, le righe di un libro dove ritrovi quel volto, il correre sotto la pioggia,  le carezze a un gattino, il piacere di cucinare per qualcuno, la ricerca della lentezza nelle piccole cose, il mettere insieme le parole per dirle a una persona speciale, la precisione nella cura di un particolare, il tornare su un punto per renderlo migliore, il rimboccare le coperte ad un ammalato, la ricerca nella memoria di momenti già vissuti... forse non lo sai ma pure questo è amore...

by Gabellini Sauro | Commenti (0)
Link | categoria:Cazzeggio
15/11/2008 Alle 21:19:36
..sabato...

Un sabato pomeriggio diverso...

by Gabellini Sauro | Commenti (0)
Link | categoria:Cazzeggio
09/11/2008 Alle 22:21:09
Luna Park

E' notte in questo Luna Park di provincia, dove il vento piega le spade, dove gli specchi confondono il cammino, è in questa notte che ti è dato di vivere, tra zingari dell'est e sirene accese, sei solo come tanti, ti accompagni al mangiatore di fuoco o al clown dell'autoscontro, in cerca di un tetto fatto di stelle, che ti copra almeno fino al mattino.

by Gabellini Sauro | Commenti (0)
Link | categoria:Cazzeggio
02/11/2008 Alle 20:03:53
miss the plane
  • "È necessario presentarsi al cancello di imbarco almeno 30 minuti prima della partenza prevista ed essere pronti all'imbarco 20 minuti prima della partenza. L'imbarco chiude 10 minuti prima della partenza. I passeggeri in ritardo non verranno ammessi a bordo. Nel caso si desiderasse viaggiare su un volo successivo, sarà necessario acquistare un nuovo biglietto pagando la relativa tariffa. Al cancello di imbarco è necessario presentare un documento di identità con fotografia valido e la carta di imbarco. " dal sito www.ryanair.com
  • PRECISINI........

    by Gabellini Sauro | Commenti (1)
    Link | categoria:Cazzeggio
    26/10/2008 Alle 12:15:20
    Prima che il vento

    Fino alla fine andrò, fino alla fine con coltelli affilati, fino alla fine nelle rovine delle strade, fino alla fine tra il vento freddo della notte, fino alla fine andrò, fino all'ultima candela accesa, fino alla fine appeso ad una speranza, fino alla fine nel rifugio di una panchina, fino alla fine camminerò solo, fino alla fine, fino a che il vento passi, fino a che il silenzio copra tutta la città, fino all'ultimo battito di ciglia, all'ultimo deglutire, fino alla fine seminerò speranza, fino alla fine giocherò a nascondino con il futuro,fino alla fine andrò insieme alle buste trascinate dal vento, Fino alla fine prima che il vento cessi .....

     

    by Gabellini Sauro | Commenti (0)
    Link | categoria:Cazzeggio
    21/10/2008 Alle 11:02:46
    ClienteSerpente

    Da un cliente nell'ufficio del direttore di un importante associazione toscana, su un faldone compariva un etichetta scritta a mano con pennarello blu, il testo dell'etichetta era :

    "Bosines law" (bosines!?!?!)

    by Gabellini Sauro | Commenti (0)
    Link | categoria:Cazzeggio
    12/10/2008 Alle 01:54:02
    Compleanno Ale
    by Gabellini Sauro | Commenti (4)
    Link | categoria:Cazzeggio
    28/09/2008 Alle 22:43:49
    Ivrea Girls

    Una cioccolata bollente che ti scalda il cuore, lo sguardo sul lungarno in una soleggiata giornata settembrina, l'odore di un forno, Firenze vista dal piazzale, il sorriso di persone conosciute in posti vicini e lontani, il caldo abbraccio del ritrovarsi, il giocare con la memoria e i momenti condivisi, un ponte di spazio e di tempo, che unisce sensazioni, sorrisi che le distanze di giorni e di km avevano diviso. Week-end, ricco di camminate, di posti che con gli occhi di altri provavo a rivedere, di piccole scoperte, e di piccoli consigli, finisci velocemente così come sei iniziato nell'indiferenza dei molti, ma no nella mia.

     

    by Gabellini Sauro | Commenti (1)
    Link | categoria:Cazzeggio
    21/09/2008 Alle 23:41:01
    Poesia

    Donna con parasole - Claude Monet

    "Su su! Svelti eh! Svelti! Veloci! Piano! Con calma! Non v'affrettate eh!
    Poi, non scrivete poesie d'amore eh! Che sono le più difficili!
    Aspettate d'avere almeno un'ottantina d'anni!
    Scrivete su un altro argomento..che ne so! Su un...su un...il mare! Il vento...un termosifone!
    Un tram in ritardo! Ecco! Chè non esiste una cosa più poetica di un'altra! Eh!
    Avete capito? La poesia non è fuori, è dentro!!
    Cos'è la poesia? Non chiedermelo più! Guardati allo specchio, la poesia sei tu!!
    E vestitele bene le poesie!!
     

    Cercate bene le parole, dovete sceglierle!!! A volte ci vogliono otto mesi per trovare una parola!!
    Sceglietele! Che la bellezza è cominciata quando qualcuno ha cominciato a scegliere!!! Da Adamo ed Eva!
    Lo sapete Eva quanto ci ha messo prima di scegliere la foglia di fico giusta??
    "Come mi sta questa...come mi sta questa…come mi sta questa..."ha spogliato tutti i fichi del paradiso terrestre!!!
    INNAMORATEVI!!!
    SE NON VI INNAMORATE E' TUTTO MORTO!! MORTO TUTTO E'!!! VI DOVETE INNAMORARE E TUTTO DIVENTA VIVO, SI MUOVE TUTTO!!!
    DILAPIDATE LA GIOIA!!!
    SPERPERATE L'ALLEGRIA!!!
    SIATE TRISTI E TACITURNI CON ESUBERANZA!!!
    FATE SOFFIARE IN FACCIA ALLA GENTE LA FELICITA'!!!
    E come si fa? (...fammi vedere gli appunti che mi son scordato! )
    Questo è quello che dovete fare!! (Non son riuscito a leggerli! Ora mi sono dimenticato! )
    Per trasmettere la felicità bisogna essere felici!!!
    E per trasmettere il dolore? Bisogna essere ........felici!!!
     
    Siate felicii!!
    Dovete patire, stare male, soffrire...
    ...e non cercate la novità!
    La novità è la cosa più vecchia che ci sia!!!
    E se il verso non vi viene da questa posizione...da questa...o da così....beh!
    Buttatevi in terra! Mettetevi così! (si sdraia) eccolo qua!!
    E' da distesi che si vede il cielo!!!
    Guardate che bellezza!! Perché non mi ci sono messo prima!!
    Cosa guardate?? I poeti non guardano,  vedono!!!
    Fatevi obbedire dalle parole! Se una parola è muro, muro, non vi da retta,
    non usatela per otto anni così impara!! Che è questo? Bo? Non lo so!!
    Questa è la bellezza!!!
    (indica la lavagna) Come quei versi là che voglio che rimangano scritti lì per sempre!
    Forza cancellate tutto che dobbiamo cominciare.
    La lezione è finita."

    (tratto dal film "La Tigre e la neve" di Roberto Benigni)

    by Gabellini Sauro | Commenti (0)
    Link | categoria:Cazzeggio
    17/09/2008 Alle 23:30:58
    In Vespa

    Ci sono persone che sono leggende, che non immagini come qualcosa che possa finire, non riesci a racchiuderle nel concetto normale di vita, uno di questi è Giorgio Bettinelli. Lui aveva realizzato il sogno di molti. Mollare tutto e iniziare a viaggiare, in Vespa. Aveva letteralmente fatto il giro del mondo, in più occasioni, spaziando da nord a sud e da est a ovest, andata e ritorno. Aveva rischiato la vita in mille occasioni, e in mille modi. E adesso è un infezione che lo ha portato via,via da sua moglie, dalla sua vespa, dai suoi libri, dai racconti che scriveva. Ho letto due suoi libri In Vespa, Brum Brum e in questi giorni stavo finendo il terzo Rhapsody in black, ho visto la sua Vespa, ho visto molte sue foto, era diventato un "amico" in giro per il mondo.Ora se ne è andato, buon viaggio Giorgio....

    La notizia della scomparsa con qualche link interesante su Repubblica

     

    by Gabellini Sauro | Commenti (0)
    Link | categoria:Cazzeggio
    07/09/2008 Alle 23:31:00
    Elba

    Poche foto da questo week-end all'Elba, week-end in formazione tipo : Chino, Gabe, Leo, Sferra, Vetta.

    Foto : http://www.serpiolle.com/PhotoViewer.aspx?Gallery=elba

     

    by Gabellini Sauro | Commenti (1)
    Link | categoria:Cazzeggio
    05/09/2008 Alle 01:40:01
    Chernobyl

    Sarà l'ora della notte, sarà il ricordo di quella tragedia ancora presente nella mia mente, sarà la paura per questa sete incondizionata di progresso, ma trovo le foto del viaggio di questa centaura solitaria toccanti, ma bellissime. Impossibile leggendo il poco testo, e vedendo le immagini non sentire un brivido dietro alla schiena.

    http://www.kiddofspeed.com/chernobyl-revisited/

    by Gabellini Sauro | Commenti (0)
    Link | categoria:Cazzeggio
    03/09/2008 Alle 10:21:39
    Smile

    Fotografato stamani a castello, sulla strada che mi porta a lavoro.

    by Gabellini Sauro | Commenti (0)
    Link | categoria:Cazzeggio
    03/09/2008 Alle 09:28:48
    Poesia di Silicio
    Miliardi di interruttori di silicio e alluminio della dimensione di qualche nanometro, elettroni che gli sfiorano in cicli di centinaia di milioni di volte ogni secondo, percorsi definiti che alterano lo stato fisico di microscopiche porte logiche, inscatolati in pochi millimetri quadrati, ricoperti da un piccolo strato di plastica, inseriti nei nostri gadget tecnologici, non importa si tratti di un telefono cellulare, un computer, o un lettore mp3, sono ormai parte del nostro vivere. Gadget complessi come nessun oggetto meccanico è mai stato, ma facilmente duplicabili, macchine costruiscono macchine. Quanto banale questa tecnologia vista con gli occhi dell'acquirente del nuovo gadget, quanto  è banale anche a chi, ormai, lavora alla costruzione di questi oggetti, la stratificazione dell'hardware e del software, ha spostato il livello di attenzione così lontano dal magico mondo fatto di elettroni e micro pulsanti di silicio, per portarlo ad un livello di assemblatore di codice o di chip, si perde la poesia e cresce il mercato è sempre e in ogni cosa così.
    by Gabellini Sauro | Commenti (0)
    Link | categoria:Cazzeggio
    27/08/2008 Alle 13:47:44
    Il Molo
    Presso il molo c'era un baracchino, un uomo anziano di un paese lontano vendeva cinture e bracciali, gli vendeva su misura, spesso clienti nervosi con necessità inspiegabili chiedevano agitati che la cintura fosse più stretta, che il bracciale fosse più largo e lui tranquillizava tutti dicendo che non c'era problema, che tutto si sistema, e così era, la cintura era perfetta per la vita del corpulento cliente e il bracciale era della dimensione giusta per il polso dell'agitato acquirente... Ormai nessuno ha più bisogno delle sue cinture e dei suoi bracciali, ed è curioso che proprio stasera, sul molo, non vi è più il venditore straniero, come se lui sapesse che non c'è più bisogno di lui... Non mancano le cinture, nn mancano i bracciali, mancano le sue parole e sul molo stanotte le persone corrono nervose con i loro bracciali e le loro cinture...
    by Gabellini Sauro | Commenti (0)
    Link | categoria:Cazzeggio
    26/08/2008 Alle 19:35:51
    Salento 2008

    Un piccolo video, un pò di foto, e poche parole, per la mia vacanza...

    by Gabellini Sauro | Commenti (2)
    Link | categoria:Cazzeggio
    13/08/2008 Alle 14:41:11
    Coro delle lamentele

    Coro delle lamentele

     

    Per vedere questo video devi aggiornare il tuo flash player.

    Click qui per scaricare l'ultima versione di Flash Player.

     


    Associazione Start
    by Gabellini Sauro | Commenti (0)
    Link | categoria:Cazzeggio
    11/08/2008 Alle 15:03:45
    Est dove rinasce il giorno
    Le sento ancora le vibrazioni di quella musica che arrivava dall’est, che mi diceva che la vita non può essere meravigliosa, è meravigliosa. Suoni zingari, un alchimia di ricordi, di amori d'altri, di amori avuti, dimenticati e mai persi. Persone che sono entrate nella mia vita solo per lasciarsi qualcosa. Musica di fanfare, chitarre e violini, musica ladra di pazzia e di emozioni. Suoni zingari che mi portano altri volti, altre storie e non cancellano i baci e le tenerezze di chi ora è lontano, sono il nuovo "excursie", il nuovo viaggio, che la mia orchestra imparerà a suonare.
    by Gabellini Sauro | Commenti (0)
    Link | categoria:Cazzeggio
    06/08/2008 Alle 22:52:54
    Chopin

    C'è una bella diffenza tra chi cerca e chi trova,  e l'uno non è conseguenza dell'altro. Amo chi cerca.

     

    by Gabellini Sauro | Commenti (0)
    Link | categoria:Cazzeggio
    01/08/2008 Alle 01:22:26
    Denti

    Vedrai non sentirai troppo male, purtroppo questo è successo e c'è anche questo dente da levare. Non è il primo, vedrai non sarà nemmeno l'ultimo, infondo sono denti, ce ne sono tanti, e cmq si può fare anche senza. Su forza tieni duro. Un po di ghiaccio per lenire il dolore, e il gioco è fatto. Servirebbe l'anestesia, è vero, ma non sempre ti viene fornita, e il dolore a dente vivo fa più male, si sa, ma niente è scontato, nemmeno l'anestesia. Quindi poche storie, togliamo questo dente.

    Tutti Giù Per Terra: Scena Finale

    by Gabellini Sauro | Commenti (0)
    Link | categoria:Cazzeggio
    28/07/2008 Alle 03:01:39
    Goran Bregović

    E così sono appena tornato dal concerto aretino di Goran Bregovic & la sua Orchestra per Matrimoni e Funerali (le serata prevedeva anche Carmen Consoli, Max Gazzé e i Kultur Shock),  spettacolo fantastico che con un pò di rakija sarebbe stato perfetto. Concerto vissuto nella strana formazione Marica, Sferra, Gabe, ci ha visto girovagare per la circonvallazione di Arezzo, salvati da un cocomeraio, unico conoscitore del duomo di arezzo (o almeno l'unico che conosce il parco adiacente al duomo), dopo aver superato le scale mobili (vere scale mobili da super mercato all'aperto), guidati da un ragazzo che per spiegarci l'indicazioni della strada usava assiduamente l'intercalare, "capito?",  abbiamo raggiunto il parco,  mangiato una piadina (mezza per quello che mi riguarda) e quindi imbucati nell'area concerto, la fruizione della serata è avvenuta seduti su sedie di plastica coperti da un plaid infreddoliti da questa fresca serata di luglio fino all'arrivo dell'artista Bosniaco quando ci siamo alzati e sbarazzati della coperta per saltare al ritmo di kalashnikov!

     

    P.s. Mi sto balcanizzando.

    by Gabellini Sauro | Commenti (1)
    Link | categoria:Cazzeggio
    20/07/2008 Alle 23:03:31
    Piogge D'Aprile

    ".....

    E ora viviamo in questa stagione di mezzo, spaccata e offesa da giorni agonizzanti e disperati,
    lungo i quali anche i migliori si danno un prezzo e ti si seccano attorno i vecchi amori sciagurati,
    dove senza più storia giriamo il mondo ricercando soltanto un momento sincero,
    col desiderio inconscio di arrivare più in fondo per essere più vero...

    Ma dove sono andate quelle piogge d' aprile? Io qui le aspetto come uno schiaffo improvviso,
    come un gesto, un urlo o un umore sottile fino ad esserne intriso,
    io chiedo che cadano ancora sul mio orizzonte angusto e avaro di queste voglie corsare,
    per darmi un'occasione ladra, un infinito o un ponte per ricominciare..."

     

    Piogge D'Aprile Guccini

    by Gabellini Sauro | Commenti (0)
    Link | categoria:Cazzeggio
    20/07/2008 Alle 22:30:10
    Braciata

    Se c'è un espressione di follia del bei bei, questa è la braciata un gruppo di incompetenti, noi, decide di organizzare una mega cena per oltre 200 persone, la cosa più straordinaria è che per botte di culo inspiegabili alla mente umana, ci si riesce. Così anche quest'anno abbiamo portato a cena più di 200 persone, con antipasti, primi, e carne, carne, carne... la fatica è stata immane gli screzi all'interno del gruppo,inevitabili, si sono vanificati alla fine della serata.. un complimento a i colleghi birraioli, e a tutti quelli che ci hanno dato mano!

    Le foto le trovate su : http://www.birreriabeibei.com

    by Gabellini Sauro | Commenti (0)
    Link | categoria:Cazzeggio
    17/07/2008 Alle 23:04:35
    IL COMPUTER

    Non so se è il primo libro che ho letto, certamente il primo libro di computer, avevo 8 anni quando lo comprai, o meglio lo comprarono i miei per me, ero già affascinato da queste strane macchine che facevano quello che io volevo facessero. Mi è tornato tra le mani per caso, ero dai miei a scaricarli le foto dalla digitale, quando ho rivisto questo libro, sfogliandolo mi sono tornate in mente le mattine d'estate in bici, la bmx!, per serpiolle, il sapore delle fette al latte con la marmellata, il terzollina carico d'acqua, le partite a i videogame con il vetto...

    by Gabellini Sauro | Commenti (0)
    Link | categoria:Cazzeggio
    15/07/2008 Alle 19:31:50
    Senza Parole

    Forse certi razzisti dovrebbero scendere dalla cattedra e imparare dagli odiati Rom.

     

    by Gabellini Sauro | Commenti (3)
    Link | categoria:Cazzeggio
    12/07/2008 Alle 20:46:27
    Turandot

    E così ieri sono stato a vedere la Turandot a Torre del Lago Puccini (con Cinz), è la mia secondo opera vista dal vivo, emozioni, sfarzo e bellezza.

     

    "La tua anima è in alto

    ma il tuo corpo è vicino

    Con le mani  brucianti

    sfiorerò i lembi d'oro

    del tuo manto stellato!

    La mia bocca fremente

    premerà su di te!"

    by Gabellini Sauro | Commenti (0)
    Link | categoria:Cazzeggio
    11/07/2008 Alle 08:17:58
    Tarantola

    Ogni circolino ha il suo personaggio, ed anche il circolo di serpiolle ne ha uno: Il Tarantola

    by Gabellini Sauro | Commenti (1)
    Link | categoria:Cazzeggio
    10/07/2008 Alle 08:26:21
    Censura Bipartisan

    La censura bipartisan della tv ci ha commentato gli interventi da piazza Navona senza mostrarceli. Forse saranno "spazatura" come dice Berlusconi, Veltroni si sarà scandalizzato, ma forse quelle "offese" erano l'ultimo lume di democrazia di un paese malato.

    by Gabellini Sauro | Commenti (2)
    Link | categoria:Cazzeggio
    07/07/2008 Alle 12:47:41
    A un cliente

    Io  :  "Digiti net view  Napoli  Empoli Torino spazio Verona Imola Empoli Washington"

    Cliente : "N,e,t spazio V, I, E..... H per washington? "

     

     

     

    by Gabellini Sauro | Commenti (0)
    Link | categoria:Cazzeggio
    07/07/2008 Alle 08:10:48
    vita

    Serve poesia nella vita e no concretezza. Per chiamarla vita servono lacrime, strade da mangiarsi e occhi da guardare. La vita è pongo se qualcuno o qualcosa ce la deturpa, fino a quando le nostre mani si muovono possiamo ridonarle una forma. Per me, per te.

    Il Gabe

    by Gabellini Sauro | Commenti (0)
    Link | categoria:Cazzeggio
    06/07/2008 Alle 20:15:16
    Vieni a ballare in Puglia

    Il progetto ferie 2008 sta prendendo forma, e la sua destinazione è la Pulgia, il salento. Ovvio che il Gabe non è il Gabe se non ci mette la follia del viaggio solitario; macchina, tenda e via. Questo viaggio ancora da definire e da iniziare, all'inizio non mi convinceva, poi mi spaventava,ma ormai sono convinto la libertà e il tacco del nostro paese sono la giusta medicina di questa estate...

     

    by Gabellini Sauro | Commenti (5)
    Link | categoria:Cazzeggio
    01/07/2008 Alle 19:47:57
    Follia digitale
    Gli stormi binari sono appena passati sopra la mia testa, il nascondiglio di bit mi ha coperto per un attimo, ma qui in questo inferno ogni rifugio è un cavallo di troia, per quanto ti possa sembrare un posto amico scopri poi che sotto c'è del codice malefico, e spesso non è nemmeno colpa di chi lo ha sviluppato, maledetto mondo di droidi! E' tutta colpa di queste API (Application Program Interface) che amministrano questo pianeta. Mi servirebbero scudi laser e armi potenti per sopravvivere in questa giungla, ma non le ho più. Merda. Ho lasciato post sul guestbook ma sono messaggi in bottiglia che nessuno vuol recuperare. Come faranno gli altri user? Li vedo spesso girare in questo cyberspazio, armati fino ai denti, alcuni fortissimi, corazze digitali indistruttibili, altri fragili come foglie, per poi scoprire che anche loro si appoggiano alle API di sistema. E' tutto cupo anche adesso, il tempo in beat scorre malefico a mio sfavore, ho perso tutti i bonus che avevo raccolto, puttana! All'orizzonte li vedo eccoli ancora, insetti p-code impossibili da combattere senza uno scudo laser, chiedo rifugio, apro le porte sul protocollo di comunicazione, ma dall'altra parte nessuno risponde, insisto cambio le porte, altero il protocollo....
     
    INSERT COINS
    by Gabellini Sauro | Commenti (1)
    Link | categoria:Cazzeggio
    25/06/2008 Alle 20:29:25
    Programmatore

    Il mio lavoro genera spesso megalomania......

    Scrivere programmi è qualcosa di assolutamente divertente, è una capacità che ci viene da una sconosciuta miscela di talento innato e allenamento costante. Come dipingere, può essere una attività destinata a diversi scopi: commerciale, artistico oppure di semplice divertimento. I programmatori hanno la ben meritata fama di essere persone che lavorano senza guardare l’orologio ma sono raramente definiti per questo vittime di un attacco di febbre creativa. I programmatori parlano di sviluppo di software nei weekend, durante le ferie ed a pranzo non perché mancano di immaginazione ma perché la loro immaginazione li porta su pianeti che gli altri non possono vedere.

    Bruce Eckel

    ... Consiglio anche l'ascolto della ballata del programmatore : http://www.derelitti.com/ballata_del_programmatore/ !!

    by Gabellini Sauro | Commenti (0)
    Link | categoria:Cazzeggio
    23/06/2008 Alle 23:41:01
    I no tinc l'ànima morta
    Quanto amo le parole, mi piace quando vengono, digitalizzate convertite in onde radio e trasformate nuovamente in suono, in un telefono o quando vengono scritte su carta, che si dicono a quattrocchi, quelle di una mail o di un file in un pc, amo i testi delle canzoni e le poesie. Così rovistando tra le mie vecchie parole ho scovato una canzone di un cantautore catalano, Joan Manuel Serrat, una canzone che dedico a chi si sente capace di cantare se un'altro canta, a chi cadendo si è rialzato in piedi. Son vent'anni che ho vent'anni.


    FA VINT ANYS QUE TINC VINT ANYS
     
    Fa vint anys que tinc vint anys.
    Vint anys i encara tinc força
    I no tinc l'ànima morta,
    I em sento bullir la sang.
    I encara em sento capaç
    De cantar si un altre canta,
    Avui que encara tinc veu
    I encara puc creure en Déus...
     
    Vull cantar les pedres, la terra, l'aigua,
    El blat i el camí que vaig trepitjant.
    A la nit, al cel, a aquest mar tan nostre,
    I al vent que al matí va a besar-me el rostre.
    Vull alçar la veu
    Per una tempesta,
    Per un raig de sol
    O pel rossinyol
    Que ha de cantar al vespre.
                                             
    Fa vint anys que tinc vint anys.
    Vint anys i encara tinc força
    I no tinc l'ànima morta,
    I em sento bullir la sang.
    Fa vint anys que tinc vint anys,
    I el cor encara s'embala
    Per un moment d'estimar,
    O en veure un infant plorar...
     
    Vull cantar l'amor,
    El primer de darrer.
    El que et fa patir el que vius un dia.
    Vull plorar amb aquells
    Que es troben tots sols
    I sense cap amor
    Van passant pel món.
    Vull alçar la veu,
     
    Per cantar als homes
    Que han nascut dempeus,
    Que viuen dempeus,
    I que dempeus moren.
    Vull i vull cantar
    Avui que tinc veu,
    Qui sap si podré demà,
    Qui sap si podré demà.
     
    Fa vint anys que tinc vint anys.
    Vint anys i encara tinc força
    I no tinc l'ànima morta,
    I em sento bullir la sang.




    SON VENT'ANNI CHE HO VENT'ANNI

    Son vent'anni che ho vent'anni,
    Vent'anni e ho ancora la forza,
    E non ho l'anima morta
    E mi sento bollire il sangue.
    E ancora mi sento capace
    Di cantare se un altro canta,
    Oggi che ancora ho voce
    E ancora posso credere in Dio...
     
    Voglio cantare le pietre, la terra, l'acqua,
    Il grano e il cammino che percorro tremante.
    Alla notte, al cielo, a questo mare così nostro
    E al vento che al mattino mi bacia il viso.
    Voglio alzare la voce
    Per una tempesta,
    Per un raggio di sole
    O per l'usignolo
    Che deve cantare alla sera.
     
    Son vent'anni che ho vent'anni,
    Vent'anni e ho ancora la forza,
    E non ho l'anima morta
    E mi sento bollire il sangue.
    Son vent'anni che ho vent'anni,
    E il cuore ancora s'esalta
    Per un momento d'amore,
    O nel vedere un bimbo che piange...
                                             
    Voglio cantare l'amore,
    Come prima e ultima cosa.
    Quello che ti fa soffrire, quello che vivi un giorno.
    Voglio piangere con quelli
    Che si trovan tutti soli
    E senza nessun amore,
    Passano per il mondo.
    Voglio alzare la voce,
     
    Per cantare gli uomini
    Che sono nati in piedi,
    Che vivono in piedi
    E muoiono in piedi.
    Voglio e voglio cantare
    Oggi che ho voce,
    Chissà se potrò, domani,
    Chissà se potrò, domani.
     
    Son vent'anni che ho vent'anni,
    Vent'anni e ho ancora la forza,
    E non ho l'anima morta
    E mi sento bollire il sangue.


    by Gabellini Sauro | Commenti (1)
    Link | categoria:Cazzeggio
    19/06/2008 Alle 08:30:27
    Impazzire

    Così leggo stamani che il Moige, il Movimento italiano genitori, ha in programma un campagna pubblicitaria contro i videogiochi, niente di strano,  peccato che il Moige in collaborazione con il ministero per le politiche giovanili si sia scelto un partern a dir poco inadeguato; a finanziara la campagna sarà niente poco di meno che Microsoft Xbox (console per videogiochi). Forse è meglio impazzire, come suggeriscono Arthur Dent e Ford Prefect nella mitica Guida galattica per gli autostoppisti.

     

    by Gabellini Sauro | Commenti (3)
    Link | categoria:Cazzeggio
    18/06/2008 Alle 08:41:54
    Forse
    Forse trovare nostri simili è l'esercizio che più appaga le nostre sicurezze.
    by Gabellini Sauro | Commenti (0)
    Link | categoria:Cazzeggio
    16/06/2008 Alle 08:17:41
    lacrime

    «Le lacrime sono lo sciogliersi del ghiaccio dell'anima. E a chi piange, tutti gli angeli sono vicini.»

    Hermann Hesse

    by Gabellini Sauro | Commenti (0)
    Link | categoria:Cazzeggio
    15/06/2008 Alle 21:41:15
    MatrimonioLampo

    E così sabato anche il "lampino" è convogliato a giuste nozze, che strana emozione questa volta, le mille serate passate con il lampino, le ferie fatte insieme, quanti anni abbiamo passato insieme. Sono contento per lui, perché lo vedo felice, ed è un percorso del suo sogno di vita... Ora buon viaggio in Messico bastardo :-) !!!:-)

    P.s. Le foto appena me le inviano le posto...

    by Gabellini Sauro | Commenti (0)
    Link | categoria:Cazzeggio
    09/06/2008 Alle 08:45:58
    Ajax e Mario

    Alle prese con un week-end piovoso, che non ha permesso l'apertura del bei..bei..., trovo che la cosa più interessante sia l'immersione in libreria, con annesso acquisto di un libro su Ajax (no non è un detersivo,vero Cinz). Il proseguo nello sviluppo di un'altra "mia creatura" http://www.pinsre.com/ e qualche notizia del mondo intorno che mi ha innorridito e schifato ma della quale, per stanchezza, non ho voglia di commentare....


    A prposito di ajax, un uso ludico di javascripts ...(click sull'immagine per giocare?!)

    by Gabellini Sauro | Commenti (1)
    Link | categoria:Cazzeggio
    02/06/2008 Alle 15:15:49
    Bei...Bei...2008
    La spugna, l'acqua fredda su tavoli e sedie, il pennello, la coppale sulle panche di legno, il preparare il buffet, l' improvvisazione fatta regola è questo il sapore che ogni anno ci lascia l'inaugurazione della stagione della birreria al circolino. Il Bei..Bei... Così da ieri siamo "ristoratori a tempo determinato", spilliamo birre e sistemiamo tavoli, 12 ragazzi in cerca di un minimo comune divisore che ci faccia stare insieme, una risorsa grande quanto, fino a che non ne abbiamo bisogno, non riusciamo ad immaginare. Buona stagione bei..bei... e grazie per la serata
     
    Photogallery della serata sul sito del beibei : http://www.birreriabeibei.com
    by Gabellini Sauro | Commenti (1)
    Link | categoria:Cazzeggio
    27/05/2008 Alle 12:32:27
    Io scriverò

    Io scriverò se vuoi perché cerco un mondo diverso
    con stelle al neon e un poco d'universo
    mi sento un eroe a tempo perso
    io scriverò se vuoi perché non ho incontrato mai
    veri mattatori e veri ombrellai
    ma gente capace di chiederti solo come stai
    io scriverò se vuoi perché ho amato tutti i sessi
    ma posso garantirvi che io
    non ho mai dato troppo peso al sessso mio
    ma con chiunque sappia divertirsi mi salverò
    che viva la vita senza troppo arrichirsi mi salverò
    che sappia amare che conosca Dio come le sue tasche
    io scriverò perché ho vissuto anche di espedienti
    perché a volte ho mostrato anche i denti
    perché non potevo vivere altrimenti
    io scriverò sul mondo e sulle sue brutture
    sulla mia immagine pubblica e sulle camere oscure
    sul mio passato e sulle mie paure

    Io scriverò - Rino Gaetano

    Grazie Cinz

     

    by Gabellini Sauro | Commenti (0)
    Link | categoria:Cazzeggio
    26/05/2008 Alle 09:53:35
    Non amo i bicchieri
    Io non amo i bicchieri, classico o lavorato che sia, non li amo ne mezzi pieni, ne mezzi vuoti. Non credo che un bicchiere mezzo pieno, sia pieno, ne che uno mezzo pieno sia vuoto, è matematica. C'è poco da fare. Eppure in mezzo a questo gioco di parole c'è tanto di noi, di come ci rapportiamo con la nostra vita, di come vediamo, giudichiamo gli altri. Fattori che a una persona sembrano costanti assolute,universali, per altri assumono valori completamente diversi. La diversità degli individui sgretola le certezze. E' questo contrasto che si porta dietro il mio week-end, un venerdì sera all'otel e un sabato pomeriggio (e domenica) a terra futura. Contrasti di colori, odori,sapori,suoni,contenuti. Chi sa se è possibile fare una sintesi fra le due diversità,trovare un incontro,un posto comune di dialogo, così rimango equidistante dalle diverse identità e mi corico con l'odore di incenso nelle narici, e l'immagini del deserto del Negev degli occhi.
    by Gabellini Sauro | Commenti (0)
    Link | categoria:Cazzeggio
    26/05/2008 Alle 01:00:22
    Follie in dialogo

    ......
    UnoQualunque : "che palle stamani"
    UnaltroQualunque : "di cosa si lamenta è anche sereno"
    UnoQualunque : "sa è lunedì devo andare a lavoro"
    UnaltroQualunque : "tutti dobbiamo andare a lavoro il lunedì"
    UnoQualunque : "si certo però ho diversi pensieri per la testa"
    UnaltroQualunque : "tutti abbiamo pensieri per la testa, guardi che traffico stamani"
    UnoQualunque : "no vede ma i miei, sono pensieri di altro tipo"
    UnaltroQualunque : "e va bene però c'è traffico stamani.."
    UnoQualunque : "...dicevo, che ho altri problemi, sa: non posso mangiare quello che voglio.."
    UnaltroQualunque : ".. vedo che è in piedi e vivo, e quindi in qualche modo mangia"
    UnoQualunque : "..poi devo farmi punture,prendere pasticche"
    UnaltroQualunque : "le prendono tutti, e poi stamani è chiusa anche la strada che porta in centro"
    UnoQualunque : "...poi lo sa oggi è così, ma domani potrà solo peggiorare"
    UnaltroQualunque : "...domani sarà domani, e vedremo. Caso mai lei peggiorerà ma vedrà ci sarà meno traffico"
    UnoQualunque : "non riesco a fare le cose che facevo prima, come le facevo prima"
    UnaltroQualunque : "pace"
    UnoQualunque : "ma sono cose importanti lo sport,le relazioni, il vivere sociale"
    UnaltroQualunque : "lei non è il solo, come non siamo soli stamani in questa strada..."
    UnoQualunque : "ma prima, prima..."
    UnaltroQualunque : "prima era prima, vedo che ha gambe e braccia, e una bocca per parlare, e la usa anche troppo...di cosa si lamenta"
    UnoQualunque : "certo ho gambe e braccia, occhi per vedere, e una bocca per parlare, però vede vorrei...."
    UnaltroQualunque : "senta guardi se ne faccia una ragione il mio problema, e di quelli in questa strada, è il traffico, lei se vuol occupare la carreggiata lo faccia pure, ma i suoi  problemi se li tenga tra le mura della sua casa."
    UnoQualunque : "certo, mi scusi sa alle volte ci si sente soli, sa si perde l'amore, si allentamo le amicizie..."
    UnaltroQualunque :"vede forse amore qui tra questi tubi di scappamento?...e allora?"
    UnoQualunque : "no però lei.....forse a casa...."


    il semaforo si fà verde e il brulicare di auto per la strada riprende il suo stanco corso...
    ....

    by Gabellini Sauro | Commenti (1)
    Link | categoria:Cazzeggio
    16/05/2008 Alle 19:54:10
    Chiudiamo le scuole
    "Chiudiamo le scuole"
    di Giovanni Papini
    1 giugno 1914
     
    	
    
    Diffidiamo de' casamenti di grande superficie, dove molti uomini si rinchiudono o vengono rinchiusi. Prigioni, Chiese, Ospedali, Parlamenti, Caserme, Manicomi, Scuole, Ministeri, Conventi. Codeste pubbliche architetture son di malaugurio: segni irrecusabili di malattie generali. Difesa contro il delitto - contro la morte - contro lo straniero - contro il disordine - contro la solitudine - contro tutto ciò che impaurisce l'uomo abbandonato a sé stesso: il vigliacco eterno che fabbrica leggi e società come bastioni e trincee alla sua tremebondaggine. Vi sono sinistri magazzini di uomini cattivi - in città e in campagna e sulle rive del mare - davanti a' quali non si passa senza terrore. Lì son condannati al buio, alla fame, al suicidio, all'immobilità, all'abbrutimento, alla pazzia, migliaia e milioni di uomini che tolsero un po' di ricchezza a' fratelli più ricchi o diminuirono d'improvviso il numero di questa non rimpiangibile umanità. Non m'intenerisco sopra questi uomini ma soffro se penso troppo alla loro vita - e alla qualità e al diritto de' loro giudici e carcerieri. Ma per costoro c'è almeno la ragione della difesa contro la possibilità di ritorni offensivi verso qualcun di noialtri. Ma cosa hanno mai fatto i ragazzi, gli adolescenti, i giovanotti che dai sei fino ai dieci, ai quindici, ai venti, ai ventiquattro anni chiudete tante ore del giorno nelle vostre bianche galere per far patire il loro corpo e magagnare il loro cervello? Gli altri potete chiamarli - con morali e codici in mano - delinquenti ma quest'altri sono, anche per voi, puri e innocenti come usciron dall'utero delle vostre spose e figliuole. Con quali traditori pretesti vi permettete di scemare il loro piacere e la loro libertà nell'età più bella della vita e di compromettere per sempre la freschezza e la sanità della loro intelligenza? Non venite fuori colla grossa artiglieria della retorica progressista: le ragioni della civiltà, l'educazione dello spirito, l'avanzamento del sapere? Noi sappiamo con assoluta certezza che la civiltà non è venuta fuor dalle scuole e che le scuole intristiscono gli animi invece di sollevarli e che le scoperte decisive della scienza non son nate dall'insegnamento pubblico ma dalla ricerca solitaria disinteressata e magari pazzesca di uomini che spesso non erano stati a scuola o non v'insegnavano. Sappiamo ugualmente e con la stessa certezza che la scuola, essendo per sua necessità formale e tradizionalista, ha contribuito spessissimo a pietrificare il sapere e a ritardare con testardi ostruzionismi le più urgenti rivoluzioni e riforme intellettuali. Soltanto per caso e per semplice coincidenza - raccoglie tanta di quella gente! - la scuola può essere il laboratorio di nuove verità. Essa non è, per sua natura, una creazione, un'opera spirituale ma un semplice organismo e strumento pratico. Non inventa le conoscenze ma si vanta di trasmetterle. E non adempie bene neppure a quest'ultimo ufficio - perché le trasmette male o trasmettendole impedisce il più delle volte, disseccando e storcendo i cervelli ricevitori, il formarsi di altre conoscenze nuove e migliori. Le scuole, dunque, non son altro che reclusori per minorenni istruiti per soddisfare a bisogni pratici e prettamente borghesi. Quali? Per i genitori, nei primi anni, sono il mezzo più decente per levarsi di casa i figliuoli che danno noia. Più tardi entra in ballo il pensiero dominante della "posizione" e della "carriera". Per i maestri c'è soprattutto la ragione di guadagnarsi pane, carne e vestiti con una professione ritenuta "nobile" e che offre, in più, tre mesi di vacanza l'anno e qualche piccola beneficiata di vanità. Aggiungete poi a questo la sadica voluttà di potere annoiare, intimorire e tormentare impunemente, in capo alla vita, qualche migliaio di bambini o di giovani. Lo Stato mantiene le scuole perché i padri di famiglia le vogliono e perché lui stesso, avendo bisogno tutti gli anni di qualche battaglione di impiegati, preferisce tirarseli su a modo suo e sceglierli sulla fede di certificati da lui concessi senza noie supplementari di vagliature più faticose. Aggiungete che sulle scuole ci mangiano ispettori, presidi, bidelli, preparatori, assistenti, editori, librai, cartolai e avrete la trama completa degli interessi tessuti attorno alle comunali e regie e pareggiate case di pena. Nessuno - fuorché a discorsi - pensa al miglioramento della nazione, allo sviluppo del pensiero e tanto meno a quello cui si dovrebbe pensar di più: al bene dei figliuoli. Le scuole ci sono, fanno comodo, menano a qualche guadagno: ficchiamoci maschi e femmine e non ci pensiamo più. L'uomo, nelle tre mezze dozzine d'anni decisive nella sua vita (dai sei ai dodici, dai dodici ai diciotto, dai diciotto ai ventiquattro), ha bisogno, per vivere, di libertà. Libertà per rafforzare il corpo e conservarsi la salute, libertà all'aria aperta: nelle scuole si rovina gli occhi, i polmoni, i nervi (quanti miopi, anemici e nevrastenici possono maledire giustamente le scuole e chi l'ha inventate!) Libertà per svolgere la sua personalità nella vita aperta dalle diecimila possibilità, invece che in quella artificiale e ristretta delle classi e dei collegi. Libertà per imparare veramente qualcosa perché non s'impara nulla di importante dalle lezioni ma soltanto dai grandi libri e dal contatto personale colla realtà. Nella quale ognuno s'inserisce a modo suo e sceglie quel che gli è più adatto invece di sottostare a quella manipolazione disseccatrice e uniforme ch'è l'insegnamento. Nelle scuole, invece, abbiamo la reclusione quotidiana in stanze polverose piene di fiati - l'immobilità fisica più antinaturale - l'immobilità dello spirito obbligato a ripetere invece che a cercare - lo sforzo disastroso per imparare con metodi imbecilli moltissime cose inutili - e l'annegamento sistematico di ogni personalità, originalità e iniziativa nel mar nero degli uniformi programmi. Fino a sei anni l'uomo è prigioniero di genitori, bambinaie e istitutrici; dai sei ai ventiquattro è sottoposto a genitori e professori; dai ventiquattro è schiavo dell'ufficio, del caposezione, del pubblico e della moglie; tra i quaranta e i cinquanta vien meccanizzato e ossificato dalle abitudini (terribili più d'ogni padrone) e servo, schiavo, prigioniero, forzato e burattino rimane fino alla morte. Lasciateci almeno la fanciullezza e la gioventù per godere un po' d'igienica anarchia! L'unica scusa (non mai bastante) di tale lunghissimo incarceramento scolastico sarebbe la sua riconosciuta utilità per i futuri uomini. Ma su questo punto c'è abbastanza concordia fra gli spiriti più illuminati. La scuola fa molto più male che bene ai cervelli in formazione. Insegna moltissime cose inutili, che poi bisogna disimparare per impararne molte altre da sé. Insegna moltissime cose false o discutibili e ci vuol poi una bella fatica a liberarsene - e non tutti ci arrivano. Abitua gli uomini a ritenere che tutta la sapienza del mondo consista nei libri stampati. Non insegna quasi mai ciò che un uomo dovrà fare effettivamente nella vita, per la quale occorre poi un faticoso e lungo noviziato autodidattico. Insegna (pretende d'insegnare) quel che nessuno potrà mai insegnare: la pittura nelle accademie; il gusto nelle scuole di lettere; il pensiero nelle facoltà di filosofia; la pedagogia nei corsi normali; la musica nei conservatori. Insegna male perché insegna a tutti le stesse cose nello stesso modo e nella stessa quantità non tenendo conto delle infinite diversità d'ingegno, di razza, di provenienza sociale, di età, di bisogni ecc. Non si può insegnare a più d'uno. Non s'impara qualcosa dagli altri che nelle conversazioni a due, dove colui che insegna si adatta alla natura dell'altro, rispiega, esemplifica, domanda, discute e non detta il suo verbo dall'alto. Quasi tutti gli uomini che hanno fatto qualcosa di nuovo nel mondo o non sono mai andati a scuola o ne sono scappati presto o sono stati "cattivi" scolari. (I mediocri che arrivano nella vita a fare onorata e regolare carriera e magari a raggiungere una certa fama sono stati spesso i "primi" della classe). La scuola non insegna precisamente quello di cui si ha più bisogno: appena passati gli esami e ottenuti i diplomi bisogna rivomitare tutto quel che s'è ingozzato in quei forzati banchetti e ricominciare da capo. Vorrei che i nostri dottori della legge, per i quali la scuola è il tempio delle nuove generazioni e i manuali approvati sono i sacri testamenti della religion pedantesca, leggessero almeno una volta il saggio di Hazlitt sull'Ignoranza delle persone istruite, che comincia così: "La razza di gente che ha meno idee è formata da quelli che non son altro che autori o lettori. È meglio non saper né leggere né scrivere che saper leggere e scrivere, e non essere capaci d'altro". E più giù: "Chiunque è passato per tutti i gradi regolari d'una educazione classica e non è diventato stupido, può vantarsi d'averla scappata bella". Credo che pochissimi potrebbero - se sapessero giudicarsi da sé - vantarsi di una tal resistenza. E basta guardarsi un momento attorno e vedere quale sia la media intelligenza de' nostri impiegati, dirigenti, professionisti e governanti per convincersi che Hazlitt ha centomila ragioni. Se c'è ancora un po' d'intelligenza nel mondo bisogna cercarla fra gli autodidatti o fra gli analfabeti. La scuola è così essenzialmente antigeniale che non ristupidisce solamente gli scolari ma anche i maestri. Ripeti e ripeti anni dopo anni le medesime cose, diventano assai più imbecilli e immalleabili di quel che fossero al principio - e non è dir poco. Poveri aguzzini acidi, annoiati, anchilosati, vuotati, seccati, angariati, scoraggiati che muovon le loro membra ufficiali e governative soltanto quando si tratta di aver qualche lira di più tutti i mesi! Si parla dell'educazione morale delle scuole. Gli unici risultati della convivenza tra maestri e scolari è questa: servilità apparente e ipocrisia dei secondi verso i primi e corruzione reciproca tra compagni e compagni. L'unico testo di sincerità nelle scuole è la parete delle latrine. Bisogna chiuder le scuole - tutte le scuole. Dalla prima all'ultima. Asili e giardini d'infanzia; collegi e convitti; scuole primarie e secondarie; ginnasi e licei; scuole tecniche e istituti tecnici; università e accademie; scuole di commercio e scuole di guerra; istituti superiori e scuole d'applicazione; politecnici e magisteri. Dappertutto dove un uomo pretende d'insegnare ad altri uomini bisogna chiuder bottega. Non bisogna dar retta ai genitori in imbarazzo né ai professori disoccupati né ai librai in fallimento. Tutto s'accomoderà e si quieterà col tempo. Si troverà il modo di sapere (e di saper meglio e in meno tempo) senza bisogno di sacrificare i più begli anni della vita sulle panche delle semiprigioni governative. Ci saranno più uomini intelligenti e più uomini geniali; la vita e la scienza andranno innanzi anche meglio; ognuno se la caverà da sé e la civiltà non rallenterà neppure un secondo. Ci sarà più libertà, più salute e più gioia. L'anima umana innanzi tutto. È la cosa più preziosa che ognuno di noi possegga. La vogliamo salvare almeno quando sta mettendo le ali. Daremo pensioni vitalizie a tutti i maestri, istitutori, prefetti, presidi, professori, liberi docenti e bidelli purché lascino andare i giovani fuor dalle loro fabbriche privilegiate di cretini di stato. Ne abbiamo abbastanza dopo tanti secoli. Chi è contro la libertà e la gioventù lavora per l'imbecillità e per la morte.
    by Gabellini Sauro | Commenti (0)
    Link | categoria:Cazzeggio
    14/05/2008 Alle 23:42:59
    Chiavi di ricerca

    Ormai i motori di ricerca sono diventati un estensione della nostra memoria, gli usiamo per recuperare le informazioni più disparate, ma guardando le chiavi di ricerca che hanno portato navigatori sconosciuti sul mio blog mi viene da dubitare sull'efficienza degli strumenti :

     

    Chiave di ricerca Commento
    maradona che E qui va bene ho fatto un post sulla canzone di Manu Chao dedicata al campione argentino
    gabe Che dire? Qlc1 mi cerca!? Il bello è che mi trova!
    ubuntu firefox flash in primo piano E qui mi sento utile....il post che ho fatto sul problema del sito del beibei
    apertura fonera Ed anche su questo poco da eccepire ho parlato della mia fonera e ho recensito l'apertura del pacchetto a casa mia
    bellissime poppe Qui arrivano i primi dubbi, non discuto che alcune signorine immortalate sul blog non ne possiedano, ma come cavolo ha fatto ad arrivare questo al mio blog resta un mistero
    evitare aloni sotto le ascelle Ed anche qui continua la follia, non vi sono foto con ascelle pezzate, ho controllato. Ma non vi sono nemmeno metodi per risolvere il problemone!
    calamandrei e la resistenza Qui da una frase di un mio post, questo è arrivato dalle mie parti
    puttane a pistoia Rieccoci, non credo di aver parlato ne di puttane ne di Pistoia, ma mistero dei motori di ricerca, qlc1 in cerca di "compagnia" è arrivato dalle mie parti
    solo come un sospiro, un orizzonte perso di vista. solo come un gigante. è solo un vecchio comunista Qui il motore di ricerca ci ha sicuramente dato. Ma questo conosceva la canzone a memoria!?
    template pronto da modificare Ok di template ne parlo più volte nei miei post.

    by Gabellini Sauro | Commenti (0)
    Link | categoria:Cazzeggio
    12/05/2008 Alle 20:56:25
    Weekend

    Ho passato un week-end a base di beibei,preparativi per l'inaugurazione, e trasferta in terra di "Bazzano" comune vicino a Bologna ad una serata dedicata a Peppino Impastato (per ricordare i 30 anni dalla morte per mano della mafia), a sentire la casa del vento e gruppi "amici" di laura . In fine una domenica a tinte viola.

    by Gabellini Sauro | Commenti (1)
    Link | categoria:Cazzeggio
    04/05/2008 Alle 01:02:29
    Concertone Caparezza

       Dopo il concertone di caparezza, sono arrivato a questa conclusione vengo dalla luna

     

    by Gabellini Sauro | Commenti (0)
    Link | categoria:Cazzeggio
    30/04/2008 Alle 20:37:02
    Pensieri a caso
    Ho un po di pensieri confusi in testa ho sentito la notizia della morte di  Albert Hofmann, 102 anni, campato abbastanza per esser chi ha scoperto e descritto gli effetti dell'Lsd, e penso al povero Vincenzo Tiberio campato solo 46 anni, medico italiano che scoprì la penicellina.Penso a un presidente della camera,Fini, in camicia nera che ricorda il 25 aprile come festa di tutti gli italiani, si mormora che sia più a sinistra del PD, perdona la battuta Lau. Ho un po di confusione ma forse hanno ragione quelli caterpillar bisognerebbe "abbonarsi a bellissimo" :
     
     
     
    P.s. Un gioco di numeri e statistiche che se visto senza il dovuto distacco che si meritano le statistiche inquieta non poco http://www.worldometers.info/
    by Gabellini Sauro | Commenti (0)
    Link | categoria:Cazzeggio
    22/04/2008 Alle 22:47:42
    Le volpi non bevono la birra
    Le volpi di fuoco non bevono la birra, o almeno non la bevono al beibei, contento per aver registrato il dominio www.birreriabeibei.com e per averci trasferito il sito in blocco, vado al mio pc fisso, macchina con ubuntu linux sopra,e scopro con meraviglia che il sito si vede male, e le photogallery proprio non si vedono, nel momento penso sia un problema di compatibilità con linux, al che decido di scaricare firefox sul portatile per scoprire poi con mio enorme orrore, che anche su una macchina xp, firefox vede male il sito del beibei. Devo trovare un rimedio, per adesso invito gli utenti firefox con windows a fare un eccezione ed usare iexplorer per visitare il sito del beibei....

    www.birreriabeibei.com
    by Gabellini Sauro | Commenti (0)
    Link | categoria:Cazzeggio
    21/04/2008 Alle 08:39:00
    Week-End

    Che week-end strano quello passato, "iniziato" il sabato mattina nel centro di firenze a vedere e sentire Il Coro delle Lamentele, e terminato la domenica sera al cpa a vedere Parole Sante di ascanio celestini, eppure se devo prendere un momento di questo week-end porto con me il ricordo di una camminata in solitario a monte morello a guardare la bellezza vicino a casa, e ad eliminare le tossine del correre quotidiano...

     

    P.s. Registrato il sito BirreriaBeiBei.com attendo attivazione! :-) ( http://www.whois.net/whois_new.cgi?d=birreriabeibei&tld=com )

    by Gabellini Sauro | Commenti (0)
    Link | categoria:Cazzeggio
    05/04/2008 Alle 11:23:08
    Ignoranza
    Ignoranza manageriale. Forse sarà un luogo comune dire che gli alti profili professionali godono di un ignoranza quasi assoluta ma spesso uno ci azzecca, ultimo esempio è un manager di telecom italia, tale  Luca Luciani,con il suo ultimo discorso, riportato qua su youtube, quando afferma che Napoleone trionfò a Waterloo (!??!). Credo anch'io di essere dotato di un enorme ignoranza (no fino a questo punto!) ma almeno non ho stipendi a 6 o 7  cifre....


    da vedere:
    by Gabellini Sauro | Commenti (0)
    Link | categoria:Cazzeggio
    17/03/2008 Alle 20:49:51
    Chiuso

    Ho chiuso porte alle speranze, chiuso lucchetti od ogni sogno, tenuto in piedi castelli di carte per l'orgoglio, tenerezza, paura. Ho chiuso con lucchetti di sicura sicurezza, per fedeltà. rispetto, dedizione. Ho commesso mille errori, forse un milione, uno dopo l'altro, uno alimentato dall'altro, spirali di incertezze. Stanco e indeciso, ogni bivio è una salita, oltre che un percorso, una scelta, una opportunità. Eppure mi sento forte, di aver superato violenti tempeste, di essermi scrollato di dosso detriti di grattaceli che mi sono piovuti sulle spalle, eppure sono qui con qlche dubbio in più, e qualche nuova certezza, a giocare ancora, se non si fosse capito, al gioco della mia vita.

    P.s. chi capisce, capisce chi un capisce...azzi sua!! :-) :-)

    P.p.s. Ho qlche idea per serpiolle.com e in questo periodo pasquale le metterò in opera, promesso!

    by Gabellini Sauro | Commenti (2)
    Link | categoria:Cazzeggio
    29/02/2008 Alle 21:16:38
    CONVERSAZIONI TIPICHE FIORENTINE

    (trovato su internet!)

    Lehati di torno!(togliti di mezzo)
    L'è a ufo!(E' gratis)
    Sono infilao nell'azzanella!(sono finito nella fossetta della carreggiata per lo scolo dell'acqua)
    Che chiorba dura tu hai!(che testa dura hai)
    Passami codesta pezzola!(prestami quel fazzoletto)
    Venvia tattameo!(ma dai imbecille)
    L’è abbollore!(E' bollente)
    Icchè ttu ffai?Un fare i’grulllo!(cosa fai non fare lo s***o)
    Ma indo’ ttu vvai? Torna ‘ndrèo!(ma dove vai torna indietro)
    E vu c’avehe rott’ i’ caxxo!(avete rotto il c***o)
    E vo’ sennò la mi’ mamma la mi brontola!(vado altrimenti la mamma mi sgrida)
    Sorti di fra’ hoglioni!(togliti di mezzo)
    E te le lèo io le zecche di dosso!(ti faccio passare io la voglia di scherzare)
    Va’ a pigliallo ni’ cc**o!(vaffanc**o)
    La maiala di to’ma’!
    Gliè ganzo di nulla!(Forte!!!)
    Oh nacchero vie’ qua se tt’hai i’ ccore!(oh
    Boia son tutto mèzzo!!(sono tutto bagnato)
    Borda!(Oh Dio)
    Nooo ‘uaa ‘hi c’è!?(guarda chi c'è)
    Bada che laòro nini!(accidenti)
    Ma va’ ‘ia, va’ ‘ia, va’ ‘ia!!(ma vai a cacare, in modo scherzoso)
    Miha tutti sanno parlà i’fiorentino, fihurassi a scri’ilo!(Non tutti sanno parlere fiorentino figuriamoci scriverlo)
    Gliè ma dimorto bona!(E' molto bona)
    Bada ‘he cihalaa!(guarda che f**a)
    La c’ha delle belle poppe!!(ha dei bei seni)
    Pigliami hodesto ‘ostì!(prendi quello lì)
    Oh buhaioloo!(antico negoziante delle "buche".I negozi del mercato di San Lorenzo erano posti al di sotto del livello stradale,di fatto....in "buca". All'ora di pranzo passavano i carri con le vivande e chiamavano a raccolta i negozianti al grido:"Bucaioli...c'è le paste!"usato per dire "s*****o" in modo scherzoso)
    I’tu babbo l’è un beccarone!(tuo padre è cornuto)
    Manca pòo bocco!(per poco non cado)
    Un se ne pòle più!(non ne posso più)
    Oh rintronào!(rimbambito)
    Speriamo tu stianti!(speriamo che schianti)
    Se tu seguiti tu ne tocchi!(se continui le prendi)
    Sorti di lì!(esci da lì)
    Corri l'è belle principiata!(corri è già iniziata)
    E ci 'ole le binde!(ci vuole molto)
    Tu se' arriato dopo i fohi!(sei arrivato tardi)
    Che s'ha a ire?(andiamo?)
    Icchè tu c'hai le chehe?(hai qualche idea strana)
    Se fossi ne mi'cenci!(se fossi ancora nei miei panni)
    Gnamo gingillone!(Muoviti pigrone)
    C'ho delle gore sotto braccio!(ho degli aloni sotto le ascelle)
    Bona Ugo!(ciao)
    Bada 'he pettaha!(guarda che salita)
    Un mi garba punto!(non mi piace per niente)
    Sono a diacere!(sono sdraiato)
    Oh come tu se' concio(o conciato)?(come sei vestito)
    Giueeee!!(accidenti)
    S'andà bene di perridere!(Oh dio mio)
    Tu mi sei andato in cianfanella!(in brodo di giuggiole)
    Tu se' più sudicio di' coco landino!(sei più sporco del cuoco Landino)
    Tu se' più duro de' Sammoresi!(sei duro di comprendonio)
    Burrasche e puttane le vengan di Pistoia!(temporali e puttane vengono da pistoia)
    Senza lilleri un si lallera!(senza soldi non si va avanti)
    C'entra come i'c**o con le quarantore!(non c'entra niente)
    T'ha daho di barta i'cervello!(sei impazzito)
    Ti do le paste!(ti straccio)
    Tu se' secco allampanato!(sei molto magro)
    Ciao brindellone!(ciao ragazzo alto e grosso)
    Ti do 'na cignaha!(ti do una frustata)
    Si va a cinci sciorto!(si va bene)
    Gliè i’tocco!(sono le 13)
    Vo’ a desinare!(vado a pranzo)
    A me mi garba la ribollìa!(mi piace la ribollita)
    Rammentami di qui’ grulllo di’ Ramalli!(ricordami di quello s***o del ramalli)
    L’è andào di di hàe o di di làe?!(è andato di qua o di là)
    ‘gna he mi ‘hini e cachi!(mi devo piegare e cacare)
    Te tu se’ di fòri poerino!(sei pazzo poverino)
    Poer’ a te!(povero te)
    Un’attro pohinino!!(un altro po')
    E fo’ cahare!(faccio schifo)
    E gliè marmàa!(E' fredda)
    Vo’ a butta’ via i’sudicio!(vado a gettare la spazzatura)
    Làati lezzo!(lavati sporco)
    Oh che ha' belle fatto?!(hai già finito)
    Di già?!(già?)
    Anna che li ho' gl'agli?!No un gli 'oglio gl'agli, gl'ho!!(anna li vuoi gli agli?Non non li voglio gli agli, li ho già)
    Una hoha hola hon la hannuccia horta horta!(non servono traduzioni)
    S'ha a ddì d'andà??T m'ha' a ddì 'ndò!(diciamo di andare?Dimmi dove)
    Se te l'ha detto lui si hasca da ritti!(se te lo ha detto lui siamo tranquilli)
    Fra ninnoli e nannoli s'è fatto le hàttro!(tra una cosa e un'altra abbiamo fatto le 4)

    by Gabellini Sauro | Commenti (0)
    Link | categoria:Cazzeggio
    23/02/2008 Alle 22:11:36
    Qualche minuto di follia

    Salgo le scale, scendo le scale, velocemente prendo l'ascensore, devo muovermi, suonare al più alto numero di porte possibile, devo vendere le mie enciclopedie. Mi fingo arrivato, intellettuale, in ascesa, insoddisfatto, fallitto, cerco tutti i modi per vendere le mi enciclopedie.
    Vi sono porte che non si aprono, altre che si chiudono improvisamente, altre che si aprono ti fanno entrare parlare e poi si richiudono, troppe speranze appese al suono di un campanello, al toc-toc delle nocche di una mano su una porta di legno, perchè non è facile vendere enciclopedie.

    Poi arriva il giorno del meeting dei venditori di inciclopedie, e c'è uno che dice che domani, da domani, lui non venderà più inciclopedie, mai più, lui venderà... aspirapolveri, e io penso che è fortunato, non dovrà più sembrare arrivato, intellettuale, in ascesa, insoddisfatto, fallitto lui venderà aspirapolveri.
    Ma io lo sò,lo sò il giorno dopo, salirò le scale,scenderò le scale, velocemente prendeò l'ascensore, cercherò di suonare al più alto numero di porte possibili, perchè dovrò vendere ancora le mie encicplodie...

    by Gabellini Sauro | Commenti (0)
    Link | categoria:Cazzeggio
    10/02/2008 Alle 01:45:28
    la bellezza salverà il mondo

    “la bellezza salverà il mondo” afferma il principe Miškin nell'Idiota di Dostoevskij, ma ne siamo sempre più orfani, il nostro paese è sempre meno bello, e più volgare, lo è la nostra televisione, le nostre facce, i nostri corpi. La confusione tra bello e volgare è diventata così presente nel nostro vivere che ormai non sappiamo più distinguere l’uno dall’altro, ormai tutto è siliconato non solo la volgarità di veline/letterine, è siliconato il nostro vivere quotidiano il nostro rapportarsi con il prossimo, l’idea stessa che abbiamo di società e di economia,  siamo così drogati che finiamo per preferire l’artificioso al naturale. Siamo il paese che si compiace della mafia, inutile localizzarla in un’area geografica, ci appartiene, ci appartiene con la nostra cultura dell’amico che presenta l’amico, ci appartiene con i piccoli grandi favori, ci appartiene quando accettiamo compromessi con la morale. Facce uguali identiche, brutte, che stringono mani, che si auto compiacciono, che scendono a patti, giustificandosi con se stesse, dicendo che altrimenti non sarebbe stato possibile,che cosi fan tutti, volgarità erta a darwiniana regola di sopravivenza. Dobbiamo svegliarci da questo sonno della ragione, prima che sia troppo tardi,prima di non accorgerci più di niente, dobbiamo fare altre scelte, percorrere altre strade. La  bellezza salverà il mondo solo se sapremo coglierla là dove stà.. altrimenti non ci resta che scegliere di stare “dalla parte di chi ruba nei supermercati, o di chi li ha costruiti rubando”(F.De Gregori)

    by Gabellini Sauro | Commenti (4)
    Link | categoria:Cazzeggio
    07/02/2008 Alle 00:18:38
    Guns.N.Roses

    Oggi ero in autostrada, stavo andando da un cliente, accendo l'autoradio, che non uso sempre come facevo un tempo, e dalle casse della mia auto sento Sweet Child O'Mine, dei Guns. Ricordi, ricordi della mia adolescenza, ricordi dei pomeriggi passati al computer, spesso a casa di un amico, con vecchie macchine x86, a scoprire la bellezza del bit, a imparare un nuovo dialetto informatico, il piacere della scoperta, l'ANSI C, il turbo pascal (che linguaggio meraviglioso), e ancora Clipper in quella versione della mitica estate 87, e ancora immaginare un futuro digitale che poi avrei vissuto, e quel rock della fine degli anni 80, e dei primi anni 90, che cadenzava il digitare sulla tastiera, era la musica 'ribelle' di quegli anni com'era ribelle un quadrato di silicio...

     

    by Gabellini Sauro | Commenti (1)
    Link | categoria:Cazzeggio
    02/02/2008 Alle 15:36:20
    SignorinaEffe

    Da un intervista a Valeria Solarino protagonista di SignorinaEffe

    Stavamo girando nella sala presse di una fabbrica di Rivalta,
    in provincia di Torino, con delle comparse che erano veri
    operai di quella fabbrica. Mi si avvicina uno di loro e mi dice:
    "Certo che voi attori fate un lavoro pesante e ripetitivo:
    tutti i giorno dover ripetere la stessa scena,
    le stesse battute..". Io, stupita, gli rispondo: "Bè, voi operai
    non state messi meglio, tutti i giorni alla catena di montaggio,
    a fare lo stesso lavoro, anche più pesante del nostro".
    E lui, pieno di orgoglio: "Sì, ma noi facciamo le automobili!".

    by Gabellini Sauro | Commenti (0)
    Link | categoria:Cazzeggio
    30/01/2008 Alle 23:40:48
    OO

    Per coloro che voglio vedere il gabe in formato quattrocchi ...eccolo!

     

    (ho espressioni sempre più inteligenti si!!!)

    by Gabellini Sauro | Commenti (0)
    Link | categoria:Cazzeggio
    29/01/2008 Alle 21:27:14
    Quattrocchi

    E così alla tenerà età di 32 anni ho comprato il mio primo paio di occhiali da vista....

    Ecco a voi l'oggetto....

     

    Per vedere il gabe occhialuto, attendere la prossima serata "mondana"...

    by Gabellini Sauro | Commenti (0)
    Link | categoria:Cazzeggio
    20/01/2008 Alle 19:51:52
    Ordine Disordine

    Era tutto ordinato,pulito,perfetto
    Avevo appena spolverato la sala, la camera,la cucina
    Era tutto ordinato,pulito,perfetto
    Avevo spazzato e dato il cencio,pulito il bagno
    Era tutto ordinato,pulito,perfetto
    Avevo creato le cartelle sul pc con i nomi dei cantanti e ognuna conteneva i suoi mp3
    Era tutto ordinato,pulito,perfetto
    Pochi giorni prima ero stato dal parrucchiere, poi in palestra, poi in piscina
    Era tutto ordinato,pulito,perfetto
    Avevo chiuso la porta a doppia mandata,
    Era tutto ordinato,pulito,perfetto
    E invece quella notte di un anno fà, non era tutto ordinato,pulito,perfetto dentro di me.
    Ero confuso,spaventato,solo.


    E' la vita che scardina ogni porta, che penetra dentro ogni muro,
    E' la polvere che si posa sui vetri appena puliti, sui libri appena ordinati,
    E' il destino, il caso, contro i quali l'umano ordine è impotente.

    by Gabellini Sauro | Commenti (1)
    Link | categoria:Cazzeggio
    13/01/2008 Alle 14:02:44
    GabePleanno

     E così ho festeggiato anche i miei 32 anni di età, il compleanno, ovviamente,  si è tenuto al circolino di serpiolle. Un bello strappo alimentare,il più importante da luglio, e una serata piacevole, ringrazio tutti i partecipanti, e anche quelli che per un motivo e per l'altro all'ultimo momento non hanno partecipato.

    Clicca sul link per la PhotoGallery  della serata : http://www.serpiolle.com/PhotoViewer.aspx?Gallery=compleanno08

     

    by Gabellini Sauro | Commenti (4)
    Link | categoria:Cazzeggio
    06/01/2008 Alle 20:47:46
    Regali

    In questo periodo di feste si fanno e si ricevono regali, spesso viene sottovalutato forse un regalo che ci facciamo l'un gli altri senza attribuirne il valore, ed è un regalo più bello di qualcosa di materiale, il far conoscere un libro, un film, un artista ad un'altra persona. Quindi faccio un regalino a i lettori del mio blog che non conoscono Ascanio Celestini ... :

     

     

    by Gabellini Sauro | Commenti (1)
    Link | categoria:Cazzeggio
    01/01/2008 Alle 20:02:09
    31-12-2007

    Festa di fine anno  a casa mia ( dopo 9 giorni dalla cena natalizia una nuova invasione a casa mia! :-) ), vi allego foto e filmato youtube ...! (le foto in piazza e nel locale, dovrebbero arrivarmi a giorni, quando le avrò pubblicherò anche quelle!)

    Per le foto della serata clicca qui : http://www.serpiolle.com/PhotoViewer.aspx?Gallery=31122007

    by Gabellini Sauro | Commenti (2)
    Link | categoria:Cazzeggio
    23/12/2007 Alle 01:49:58
    Cena di natale

    Anche questa cena di natale è passata, invitare più di venti persone in una casa di non enormi dimensioni come la mia, è un rischio enorme, ma un rischio che vale la pena di correre. E' piacevole trovarsi tutti insieme, con gli amici di sempre a dire cavolate e cantare insieme, auguri serpiollesi!

     

    Qui la PhotoGallery completa http://www.serpiolle.com/PhotoViewer.aspx?Gallery=cenanatale

    by Gabellini Sauro | Commenti (0)
    Link | categoria:Cazzeggio
    22/12/2007 Alle 10:49:11
    Auguri!

    AUGURI DI BUON NATALE

    A TUTTI I LETTORI

     

    Gesù piccino piciò, Gesù Bambino,
    fa che venga la guerra prima che si può.
    Fa che sia pulita come una ferita piccina piciò,
    fa che sia breve come un fiocco di neve.
    E fa che si porti via la malamorte e la malattia,
    fa che duri poco e che sia come un gioco.
    Tu che conosci la stazione e tutti quelli che ci vanno a dormire,
    fagli avere un giorno l'occasione di potere anche loro partire.
    Partire senza biglietto, senza biglietto
    volare via, per essere davvero liberi non occorre la ferrovia.
    E fa che piova un pò di meno sopra quelli che non hanno ombrello
    e fa che dopo questa guerra il tempo sia più bello.

    Gesù piccino piciò, Gesù Bambino
    comprato a rate, chissà se questa guerra potrà finire prima dell'estate,
    perchè sarebbe bello spogliarci tutti e andare al mare
    e avere dentro agli occhi, dentro al cuore,
    tanti giorni ancora da passare.
    E ad ogni compleanno guardare il cielo
    ed essere d'accordo e non avere più paura,
    la paura è soltanto un ricordo.

    Gesù piccino piciò, Gesù Bambino alla deriva,
    se questa guerra deve proprio farsi fa che non sia cattiva.
    Tu che le hai viste tutte e sai che tutto non è ancora niente,
    se questa guerra deve proprio farsi fa che non la faccia la gente.
    E poi perdona tutti quanti, tutti quanti tranne qualcuno,
    e quando poi sarà finita fa che non la ricordi nessuno.

    F.De Gregori

    by Gabellini Sauro | Commenti (0)
    Link | categoria:Cazzeggio
    17/12/2007 Alle 22:42:41
    Neri Marcorè - Greg e Lillo

    Grandi Greg e Lillo

     

    E' troppo demenziale questo sketch !

    by Gabellini Sauro | Commenti (0)
    Link | categoria:Cazzeggio
    18/11/2007 Alle 20:49:38
    Bilanci

    Capita di fare bilanci, di mettere nelle colonne il dare e l’avere, stilare il bilancio e cercare di analizzarlo al di là dell’utile e della perdita d’esercizio, cercare gli errori di gestione, quelli della propria vita, le strade percorse, scoprendo solo dopo che sono sbagliate, le decisioni rimandate, e quelle non prese, la mancanza di coraggio e di costanza, lo spirito di sacrificio quello che hai avuto e quello che non hai avuto. Le ‘cose’ che hai preso e quelle che per distrazione, ignoranza, stupidità hai perso, abbandonato, le storie che ti sei raccontato,le giustificazioni che ti sei dato, credendole vere per poi scoprirle sbagliate. Le molteplici variabili della vita, piccole,grandi, ognuna nel suo modo incide nel percorso del nostro esistere.  E così alle volte ti sembra di non aver bevuto mai abbastanza, di non aver preso tutti gli aspetti della vita. Mi viene in mente una frase, tratta da un libro di Lodoli, che una persona particolare,certo, ma speciale per me, mi aveva scritto su un libro

    “Siamo bottiglie da mezzo litro, e dentro deve entrarci tutto: come si fa a dire di si ai giorni”

    by Gabellini Sauro | Commenti (2)
    Link | categoria:Cazzeggio
    11/11/2007 Alle 21:45:52
    La mia terrazza

    La mia terrazza, in autunno,una fotina che mi è piaciuto fare....

     

    by Gabellini Sauro | Commenti (5)
    Link | categoria:Cazzeggio
    04/11/2007 Alle 17:09:47
    Forse è colpa della Febbre...

    Spaccare il bit, uno,zero,uno, la vita legata a doppio nodo a un pollice quadrato di silicio, la musica,ascoltarla, quella “vera”, i cantautori, Guccini, De Andrè, i film quelli che ti raccontano questo mondo, i libri, le storie, quelle vere, quelle degli anarchici di Sicilia, o dei fascisti a Bologna, quei libri. L’esperienze fatte, il trasparente colore del mare della Sardegna, la verde Bosnia, la bellezza e i ritmi dell’havana, aver ballato la salsa con una cubana a Cuba, con una portoricana a Miami, e scoprire che l’emozione più grande l’hai provata a ballare con una  ragazza che non sa ballare nelle colline del senese,  il bagno turco, le moschee di Istanbul, Sarajevo, che meraviglia. E ancora ripartire scoprire il bello vicino a casa, dentro casa, infilarsi nel tunnel della rete e trovare la meraviglia dell’elettrone, la voglia di continuare a sudare, la corsa che rende stanco ma soddisfatto, sbattere la testa contro la quotidianità. Non accettare, la mediocrità che eleva, gli "ingegneri" esperti solo del suo settore, non accettare chi non si adopera per conoscere, per osservare il mondo in cui vive, e si ferma a pochi metri. Le paure, quelle vere,concrete reali, quelle assurde portate dalla mente, con fatica, metterle tutte insieme e gettarle via, l’ incoscienza sia benedetta. Il sapore delle paste calde alle 2 del mattino, l’odore del caffè, un’ tè preso alla stazione dell’Oriente Express, un bacio. Le punture, il dolore, il male nelle sue forme, la tranquillità,il piacere, la vita. La cioccolata calda, all’ Hemingway, o a Zagabria, il cappuccino a Piccadilly Circus, o al bar vicino all’ospedale. I giusti ritmi della vita, quelli che ti danno il tempo di fermarti e dire questa è la mia vita. Le poesie, quelle banali, quelle geniali, il cucirsele addosso. Gli amici, i tre milioni in piazza contro la guerra, l’Amore, le persone conosciute, i panorami indimenticabili, la mia Serpiolle. E’ un po’ questa la mia vita.

    by Gabellini Sauro | Commenti (6)
    Link | categoria:Cazzeggio
    29/10/2007 Alle 09:40:17
    Camaggiore

    Strana sensazione rivedere posti, che non vedo da  anni, riaffiorano ricordi, momenti di un età ormai passata.
    Così guardare quel paese,Firenzuola, quelle strade, i ponti, che sembrano immobili nella storia, che sembrano farsi beffa degli anni che sono passati sulla mia vita, delle diverse situazioni, delle nuove paure, e della vecchia incoscienza, Scoprire che l'acqua del fiume scorre ancora rigogliosa, fregandosene dei nuovi 'danni' (TAV) che l'umano (?) bisogno di progresso creano in quel paradiso, scoprire quanto le misure nella memoria siano dilatate e difformi dalla realtà, che vecchia bella sorpresa...

     

    Il week-end poi è andato benissimo,e quasi dimenticavo "oh vale...vale...vale.. Auguri!!"

     

    CamaggioreCamaggioreCamaggiore
    by Gabellini Sauro | Commenti (1)
    Link | categoria:Cazzeggio
    11/10/2007 Alle 00:00:00
    Buenas Noches

    E così ho fatto la prima lezione del corso di spagnolo, ci riprovo, a questo giro sono iscritto al secondo livello, il che dovrebbe prevedere un minimo di padronanza della lingua, cosa che ovviamente non ho. La prima lezione non sarebbe nemmeno andata male, se il sonno dalle 22 in poi non prendeva il sopravvento sulle mie funzioni celebrali... cmq prima della fine del corso prometto un post in lingua spagnola!

    Un pò O.T. con il resto del post, pensavo alla struttura del database che sta alla base di serpiolle.com, e mi chiedevo quanti post/blog può reggere, supponiamo di avere 30 blog attivi, che scrivono un post ogni 2-3 giorni, 100-150 post l'anno, quindi abbiamo al massimo 4500 record l'anno, ponendo che i limiti di access,il tipo dbms, siano intorno ai 200.000-300.000 record,  per i prossimi 45-65 anni, non è necessario cambiare il db, e passare che sò a sql server, forse è stata eccessiva prudenza costruire il software indipendente dal tipo db, per  un eventuale upgrade...

    by Gabellini Sauro | Commenti (0)
    Link | categoria:Cazzeggio
    04/10/2007 Alle 00:00:00
    Cose fatte di pancia

    Cose fatte di pancia, ci sono cose fatte di pancia, e cose fatte di testa, io ne ho appena fatta una di pancia, ho speso un bel pò di soldi e mi sono comprato uno scooterone. Solitamente le mie sono scelte pesate, minuziosamente misurate, ma stavolta invece no. Cosi ho ordinato l'oggetto che tra 15-20 giorni dovrebbe arrivarmi e così mi vedrete scorrazzare per le strade di serpiolle con il nuovo mezzo, condizioni climatiche permettendo!!  

     

    Su serpiolle.com ho fatto alcune modifichine, una è il login che si ricorda,coockie permettendo, il tuo nome quando ti ricolleghi, e poi ho inserito tra gli elementi modificabile dei dati iscrizione anche la mail... Attendo commento e consigli sul sito, che mi adopero, promesso!

    Il mio dovrebbe essere nero!
    by Gabellini Sauro | Commenti (3)
    Link | categoria:Cazzeggio
    01/10/2007 Alle 00:00:00
    "la follia di careggi"

    Parafrasando elio, "la follia di careggi".... Stamani mi sono recato a careggi per la mia razione di cortisone bimestrale, così come mi era stato detto dai medici dell'ospedale, per un disguido, scopro dopo il mio primo grammo dei 3 che devo fare nei 3 giorni di day hospital, che si erano sbagliati, e che in verità la mia terapia era conclusa, terminata, finita il 5 settembre(!!!), e che ora dovevo scalare il cortisone. In ogni lavoro si sbaglia, è umano, io faccio errori nei programmi, e il mio meccanico non mi ha rimontato bene la guarnizione dell'olio nella macchia,ma quando l'errore lo fà il medico di un ospedale certo che fà tutto un'altro effetto... cmq alla fine sono contento perchè la terapia termina prima da quanto pensassi.... e quindi qlche settimana/mese ancora e poi forse si ricomicia respirare......

    In questa strana giornata ho trovato un oretta per fare alcune piccole correzioni al gestore del blog, e a inserire la possibilità,così come mi ha chiesto maki di eliminare da parte del gestore del blog i commenti indesiderati su un proprio post, altra cosa maki come mi hai chiesto ti ho fatto un bel template in stile curva fiesole!!

    Template Curva FiesoleI template presenti ad oggi!
    by Gabellini Sauro | Commenti (2)
    Link | categoria:Cazzeggio
    22/09/2007 Alle 00:00:00
    Manu Chao

    Finalmente ho ascoltato il nuovo album di Manu Chao, La Radiolina,  l'album è veramente bello, e geniale come sempre lo è manu chao, di tutto l'album sono rimasto colpito dalla canzone La Vida Tombola dedicato a Maradona, scritto per la colonna sonora del film sul campione argentino diretto da Emir Kusturica (altro genio), nel semplice testo della canzone (e nelle note malinconiche), si percepisce quanto il genio e la follia di uomini come maradona, ci appartengono, a noi che stiamo spesso dalla parte del torto, a noi che siamo minoranza, è il fascino dell'eroe che perde, del campione fortissimo sconfitto, e in questa canzone il grande manu chao trasmette forte questo settimento. Non sò sarà l'aria d'argentina, ma a sentire questa canzone mi viene in mente il più grande degli eroi sconfitti, Che Guevara, e io come Maradona se mai dovessi farmi un tatuaggio è l'immagine del Che che imprimerei per sempre sul mio corpo....

    Si yo fuera Maradona  
    y un partido que ganar  
    si yo fuera Maradona  
    perdido en cualquier lugar...  
     
    La vida es una tómbola  
    de noche y de día

    La RadiolinaMaradona-Che
    by Gabellini Sauro | Commenti (0)
    Link | categoria:Cazzeggio
    Pagina senza titolo