27/06/2008 Alle 08:36:56
NaziaBestia

Il naziabestia si distingue per essere vestito in verde, in nero con il manganelo o ultimamente anche in giacca e cravatta con la 24 ore. Il naziabestia ha spesso l'auto pulita, il naziabestia si nutre voracemente, se giovane  spesso si nutre di aperitivi, il naziabestia non ama leggere, spesso va al cinema a vedere i film che fanno ridere (spesso questi film fanno ridere solo i naziabestia).Il naziabestia si distingue dal punk a bestia già di primo impatto perché lui,il naziabestia, non ha un cane, pare perché tra il cane e il naziabestia non vi sia molta simpatia. Il naziabestia spesso è inquadrato nel ceto medio, nel ceto medio non riflessivo. Il naziabestia odia gli stranieri ma spesso ha la/il badante straniero, la donna delle pulizie straniera, il naziabestia disprezza il diverso ma spesso la notte si accompagna con donne e uomini di altri paesi(a seconda del genere o del gusto del naziabestia).  Il naziabesta odia l'extracomunitario, il naziabestia sogna di schedare ogni Rom, Sinti o povero che sia, il naziabestia rimanderebbe a casa tutti quelli che non sono nati nella sua città, il naziabestia metterebbe in galere ogni comunista,rasta,omosessuale e terzomondista del cazzo. Il naziabestia non si vergogna a fare le ronde, il naziabestia quando non ha il coraggio di fare le ronde spesso pensa che chi  fa le ronde male non faccia. Però anche il naziabestia non è cattivo, il naziabestia è così solo perché è invidioso, è invidioso perché lui non avrà mai il sorriso sereno del venditore ambulante di colore che lui vorrebbe cacciare, è invidioso perché lui non avrà mai la libertà del rom che lui vorrebbe schedare, è invidioso perché lui non saprà mai assaporare le sfumature come il comunista-rasta-omosessuale-terzomondista che vorrebbe incarcerare.

by Gabellini Sauro | Commenti (2)
Link | categoria:Politica
25/06/2008 Alle 20:29:25
Programmatore

Il mio lavoro genera spesso megalomania......

Scrivere programmi è qualcosa di assolutamente divertente, è una capacità che ci viene da una sconosciuta miscela di talento innato e allenamento costante. Come dipingere, può essere una attività destinata a diversi scopi: commerciale, artistico oppure di semplice divertimento. I programmatori hanno la ben meritata fama di essere persone che lavorano senza guardare l’orologio ma sono raramente definiti per questo vittime di un attacco di febbre creativa. I programmatori parlano di sviluppo di software nei weekend, durante le ferie ed a pranzo non perché mancano di immaginazione ma perché la loro immaginazione li porta su pianeti che gli altri non possono vedere.

Bruce Eckel

... Consiglio anche l'ascolto della ballata del programmatore : http://www.derelitti.com/ballata_del_programmatore/ !!

by Gabellini Sauro | Commenti (0)
Link | categoria:Cazzeggio
23/06/2008 Alle 23:41:01
I no tinc l'ànima morta
Quanto amo le parole, mi piace quando vengono, digitalizzate convertite in onde radio e trasformate nuovamente in suono, in un telefono o quando vengono scritte su carta, che si dicono a quattrocchi, quelle di una mail o di un file in un pc, amo i testi delle canzoni e le poesie. Così rovistando tra le mie vecchie parole ho scovato una canzone di un cantautore catalano, Joan Manuel Serrat, una canzone che dedico a chi si sente capace di cantare se un'altro canta, a chi cadendo si è rialzato in piedi. Son vent'anni che ho vent'anni.


FA VINT ANYS QUE TINC VINT ANYS
 
Fa vint anys que tinc vint anys.
Vint anys i encara tinc força
I no tinc l'ànima morta,
I em sento bullir la sang.
I encara em sento capaç
De cantar si un altre canta,
Avui que encara tinc veu
I encara puc creure en Déus...
 
Vull cantar les pedres, la terra, l'aigua,
El blat i el camí que vaig trepitjant.
A la nit, al cel, a aquest mar tan nostre,
I al vent que al matí va a besar-me el rostre.
Vull alçar la veu
Per una tempesta,
Per un raig de sol
O pel rossinyol
Que ha de cantar al vespre.
                                         
Fa vint anys que tinc vint anys.
Vint anys i encara tinc força
I no tinc l'ànima morta,
I em sento bullir la sang.
Fa vint anys que tinc vint anys,
I el cor encara s'embala
Per un moment d'estimar,
O en veure un infant plorar...
 
Vull cantar l'amor,
El primer de darrer.
El que et fa patir el que vius un dia.
Vull plorar amb aquells
Que es troben tots sols
I sense cap amor
Van passant pel món.
Vull alçar la veu,
 
Per cantar als homes
Que han nascut dempeus,
Que viuen dempeus,
I que dempeus moren.
Vull i vull cantar
Avui que tinc veu,
Qui sap si podré demà,
Qui sap si podré demà.
 
Fa vint anys que tinc vint anys.
Vint anys i encara tinc força
I no tinc l'ànima morta,
I em sento bullir la sang.




SON VENT'ANNI CHE HO VENT'ANNI

Son vent'anni che ho vent'anni,
Vent'anni e ho ancora la forza,
E non ho l'anima morta
E mi sento bollire il sangue.
E ancora mi sento capace
Di cantare se un altro canta,
Oggi che ancora ho voce
E ancora posso credere in Dio...
 
Voglio cantare le pietre, la terra, l'acqua,
Il grano e il cammino che percorro tremante.
Alla notte, al cielo, a questo mare così nostro
E al vento che al mattino mi bacia il viso.
Voglio alzare la voce
Per una tempesta,
Per un raggio di sole
O per l'usignolo
Che deve cantare alla sera.
 
Son vent'anni che ho vent'anni,
Vent'anni e ho ancora la forza,
E non ho l'anima morta
E mi sento bollire il sangue.
Son vent'anni che ho vent'anni,
E il cuore ancora s'esalta
Per un momento d'amore,
O nel vedere un bimbo che piange...
                                         
Voglio cantare l'amore,
Come prima e ultima cosa.
Quello che ti fa soffrire, quello che vivi un giorno.
Voglio piangere con quelli
Che si trovan tutti soli
E senza nessun amore,
Passano per il mondo.
Voglio alzare la voce,
 
Per cantare gli uomini
Che sono nati in piedi,
Che vivono in piedi
E muoiono in piedi.
Voglio e voglio cantare
Oggi che ho voce,
Chissà se potrò, domani,
Chissà se potrò, domani.
 
Son vent'anni che ho vent'anni,
Vent'anni e ho ancora la forza,
E non ho l'anima morta
E mi sento bollire il sangue.


by Gabellini Sauro | Commenti (1)
Link | categoria:Cazzeggio
19/06/2008 Alle 08:30:27
Impazzire

Così leggo stamani che il Moige, il Movimento italiano genitori, ha in programma un campagna pubblicitaria contro i videogiochi, niente di strano,  peccato che il Moige in collaborazione con il ministero per le politiche giovanili si sia scelto un partern a dir poco inadeguato; a finanziara la campagna sarà niente poco di meno che Microsoft Xbox (console per videogiochi). Forse è meglio impazzire, come suggeriscono Arthur Dent e Ford Prefect nella mitica Guida galattica per gli autostoppisti.

 

by Gabellini Sauro | Commenti (3)
Link | categoria:Cazzeggio
18/06/2008 Alle 08:41:54
Forse
Forse trovare nostri simili è l'esercizio che più appaga le nostre sicurezze.
by Gabellini Sauro | Commenti (0)
Link | categoria:Cazzeggio
18/06/2008 Alle 00:23:27
Italiano

Quanta stanchezza per questo paese, quanta rabbia per questo popolo, abbiamo ogni giorno come monito il dramma dello sterminio di massa delle coste dei nostri mari, l'ultima agghiacciante immagine è quella di donne e uomini aggrappate a gabbie per l'allevamento di tonni, alla ricerca di una possibile sopravvivenza,  e non ci basta a capire quanto è più importante il tendere una mano, invece che costruire nuove fortezze. E' in questo paese spaventato che il popolo accetta di buon grado la sospensione delle intercettazioni telefoniche, dei processi non urgenti e commessi fino al giugno 2002 e la famosa salva premier, lo accetta perché in cambio il governo promette di essere più forcaiolo con il nemico della porta accanto, con quello più povero di te,che però potrebbe prenderti il posto. E' la paura di chi ci somiglia, è la paura di essere scambiati per loro. Così chiamiamo l' esercito come in Colombia, così ci sentiamo sicuri armati fino ai denti, così ci iscriviamo ai corsi di legittima difesa, povero italiano perso negli esagoni di un pallone, e con un uomucolo erto a salvatore della patria.

by Gabellini Sauro | Commenti (2)
Link | categoria:Politica
16/06/2008 Alle 08:17:41
lacrime

«Le lacrime sono lo sciogliersi del ghiaccio dell'anima. E a chi piange, tutti gli angeli sono vicini.»

Hermann Hesse

by Gabellini Sauro | Commenti (0)
Link | categoria:Cazzeggio
15/06/2008 Alle 21:41:15
MatrimonioLampo

E così sabato anche il "lampino" è convogliato a giuste nozze, che strana emozione questa volta, le mille serate passate con il lampino, le ferie fatte insieme, quanti anni abbiamo passato insieme. Sono contento per lui, perché lo vedo felice, ed è un percorso del suo sogno di vita... Ora buon viaggio in Messico bastardo :-) !!!:-)

P.s. Le foto appena me le inviano le posto...

by Gabellini Sauro | Commenti (0)
Link | categoria:Cazzeggio
10/06/2008 Alle 22:59:34
Malaparte

C'è una frase che da qualche giorno leggo e rileggo, forse mi fà pensare o forse, banalmente, è arrivato il momento di postarla da queste parti :

La libertà è un fatto dell'intelligenza:
ed è quella che dipende da questa,
non l'intelligenza dalla libertà.
Dirò che, nel concetto dei toscani,
chi non è un uomo libero è un uomo grullo.

Curzio Malaparte
- «Maledetti toscani»

by Gabellini Sauro | Commenti (2)
Link | categoria:SerpiolleCom
09/06/2008 Alle 08:45:58
Ajax e Mario

Alle prese con un week-end piovoso, che non ha permesso l'apertura del bei..bei..., trovo che la cosa più interessante sia l'immersione in libreria, con annesso acquisto di un libro su Ajax (no non è un detersivo,vero Cinz). Il proseguo nello sviluppo di un'altra "mia creatura" http://www.pinsre.com/ e qualche notizia del mondo intorno che mi ha innorridito e schifato ma della quale, per stanchezza, non ho voglia di commentare....


A prposito di ajax, un uso ludico di javascripts ...(click sull'immagine per giocare?!)

by Gabellini Sauro | Commenti (1)
Link | categoria:Cazzeggio
02/06/2008 Alle 15:15:49
Bei...Bei...2008
La spugna, l'acqua fredda su tavoli e sedie, il pennello, la coppale sulle panche di legno, il preparare il buffet, l' improvvisazione fatta regola è questo il sapore che ogni anno ci lascia l'inaugurazione della stagione della birreria al circolino. Il Bei..Bei... Così da ieri siamo "ristoratori a tempo determinato", spilliamo birre e sistemiamo tavoli, 12 ragazzi in cerca di un minimo comune divisore che ci faccia stare insieme, una risorsa grande quanto, fino a che non ne abbiamo bisogno, non riusciamo ad immaginare. Buona stagione bei..bei... e grazie per la serata
 
Photogallery della serata sul sito del beibei : http://www.birreriabeibei.com
by Gabellini Sauro | Commenti (1)
Link | categoria:Cazzeggio
Pagina senza titolo